Home / POLITICA / Sassari, M5S: “Occorre chiudere la parentesi Nicola Sanna”

Sassari, M5S: “Occorre chiudere la parentesi Nicola Sanna”

“Per far ripartire Sassari non occorre soltanto azzerare la Giunta e rattoppare le falle a suon di compromessi politici: occorre chiudere la parentesi amministrativa del sindaco Nicola Sanna dando ai cittadini la possibilità di valutare l’operato del Partito democratico negli ultimi anni di governo della città e scegliere democraticamente la loro alternativa”.

Il messaggio è chiaro, recapitato direttamente all’Aula di palazzo Ducale dai portavoce in consiglio comunale del Movimento Cinque Stelle Desirè Manca e Maurilio Murru.

Il momento di crisi che attraversa l’Amministrazione del sindaco Nicola Sanna è nodo da sciogliere prima che sia la città a pagare dazio per la guerra di poltrone e l’immobilismo che caratterizzano quest’ultimo sfortunato scorcio di legislatura. “Ci sono ben 120mila abitanti che aspettano di capire quali saranno le decisioni del PD in merito alla soluzione della crisi – dicono i portavoce del Movimento Cinque Stelle -. Ci sono 120mila abitanti che oggi dipendono dalle decisioni di un partito che ha come unico obiettivo la spartizione delle poltrone per rappresentare al meglio le sue correnti interne – prosegue -. Quello che mi chiedo è che fine hanno fatto i progetti e gli obiettivi tanto decantati in campagna elettorale e funzionali al risollevare le sorti della città. E la risposta, oggi, non arriva certo da palazzo Ducale”.

“Sassari è attualmente una città che assiste attonita ai continui bisticci e giochi di potere di un partito che, è importante ricordarlo, ha ricevuto il 65% dei consensi da parte dei sassaresi – attaccano Murru e Manca -. Si deve avere anche il coraggio di ammettere di aver fallito, di mostrarsi umili nei confronti di chi ha inizialmente riposto la sua fiducia nel programma promesso, e non mantenuto, dal sindaco Nicola Sanna. Un Sindaco che se amasse davvero la sua città si sarebbe già messo da parte. E invece nulla è ancora accaduto: si battono i pugni solo per le poltrone mentre una città in agonia assiste inerme a questi giochi politici”.

La riflessione si sposta sui cardini dell’agire amministrativo e sui temi che lo contraddistinguono: “Non sono certo le persone, intese come amministratori, a dover essere al centro del sistema. Quel che conta sono i programmi e gli obiettivi fissati, raggiunti e da raggiungere per il bene dei cittadini – chiudono -. Sanità, lavoro, sociale, sviluppo, trasporti: erano questi i temi fondamentali da affrontare e da discutere, temi sui quali il primo cittadino doveva essere attivo, combattivo e risoluto. invece il nulla. E allora credo sia il caso di azzerare il Governo di questa città, l’unica scelta responsabile che la città stessa attende”.

Info su La Redazione

Controlla Anche

Bullismo

Sassari. Al Comunale con Student’s got talent Sardegna contro il bullismo

Lo scorso dicembre, in occasione della prima edizione, lo spettacolo ebbe un successo straordinario, ulteriore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com