Home / Attualita' / Cultura / Paolo Fresu racconta il festival Time in Jazz, quest’anno alla sua trentesima edizione

Paolo Fresu racconta il festival Time in Jazz, quest’anno alla sua trentesima edizione



Trenta volte Time in Jazz: martedì mattina a Milano Paolo Fresu racconta il festival
in programma dall’8 al 16 agosto a Berchidda e altri centri del nord Sardegna.

A colloquio con il jazzista sardo, alle 11 all’Auditorium Lattuada,
due autorevoli firme del giornalismo musicale: Franco Fayenz e Enzo Gentile.
*

Si completa martedì mattina (28 marzo) a Milano il giro di conferenze di presentazione di Time in Jazz, il festival ideato e diretto da Paolo Fresu nel suo paese natale, Berchidda, e in altri centri del nord Sardegna, che il prossimo agosto arriva al traguardo della sua trentesima edizione.
 
Dopo Bologna (giovedì scorso, presente tra gli altri il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini) e Roma (la sera dopo, all’Auditorium Parco della Musica), il trombettista prosegue nel capoluogo lombardo il racconto della manifestazione che ha fondato nel 1988 e divenuta, anno dopo anno, uno degli eventi più apprezzati nel panorama dei festival jazz. A colloquiare con lui – alle 11 all’Auditorium Lattuada (in corso di Porta Vigentina, 15) due autorevoli firme della critica e del giornalismo musicale: Franco Fayenz e Enzo Gentile. L’appuntamento, proposto in collaborazione con la Civica Scuola di Musica “Claudio Abbado”, sarà seguito da un incontro informale di Paolo Fresu con gli studenti della storica istituzione milanese e in particolare dei Civici Corsi di Jazz.
 
Per festeggiare nel migliore dei modi le sue trenta edizioni, Time in Jazz ha messo in cantiere un cartellone come sempre fitto di nomi e appuntamenti che si snoderanno per nove giorni consecutivi, dall’8 al 16 agosto, in luoghi e spazi differenti: la grande arena allestita nella piazza centrale di Berchidda, teatro dei concerti serali, ma anche i boschi e le chiesette campestri nei dintorni del paese e i siti più rappresentativi delle altre località in cui il festival fa tappa. Nel cast, nomi di primo piano della scena jazzistica nazionale e internazionale, alla testa di proprie formazioni o alle prese con progetti ad hoc: il sassofonista inglese Andy Sheppard con il suo quartetto e in duo con il chitarrista norvegese Eivind Aarset; in arrivo dagli Stati Uniti il pianista Uri Cainecol suo trio, una formazione storica del calibro dell’Art Ensemble of Chicago e un gruppo giovane come gli Huntertones; dalla Germania sbarcano invece in Sardegna la tromba e il flicorno di Markus Stockhausen insieme al pianista Florian Weber; polacco, ma da tempo trapiantato nella Grande Mela, è un altro grande trombettista, Tomasz Stanko, atteso a Berchidda con il suo New York Quartet; e polacco è anche il violinista Adam Bałdych in duo col pianista norvegese Helge Lien, mentre la scena transalpina è rappresentata dal trio del batterista Philippe Garcia e dal quartetto del trombettista Erik Truffaz. E poi gli italiani: i pianisti Dino Rubino, Enrico Zanisi e Giovanni Guidi, la cantante Ada Montellanico, il trombonista Gianluca Petrella, il contrabbassista Marco Bardoscia, i sassofonisti Raffaele Casarano e Francesco Bearzatti, la clarinettista sarda Zoe Pia e due trombettisti della statura di Enrico Rava e, naturalmente, Paolo Fresu, atteso come sempre in svariate occasioni, compreso un omaggio a Lucio Dalla e Fabrizio De André con il cantante Gaetano Curreri e il pianista Fabrizio Foschini che riporterà il festival, dopo qualche anno di assenza, in quello che fu il buen retirodell’indimenticabile Faber a L’Agnata.
 
Tanta musica, dunque, ma non solo: previsti al prossimo Time in Jazz il consueto spazio per film e documentari scelti dal regista Gianfranco Cabiddu e quello dedicato alle arti visive curato da Giannella Demuro e Antonello Fresu, oltre alle varie iniziative di promozione e sensibilizzazione ambientale, presentazioni di libri e conferenze; il tutto a completare un cartellone ancora una volta assortito e ricco di eventi, allestito dall’associazione culturale Time in Jazz con l’indispensabile contributo della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, Assessorato del Turismo), del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Fondazione di Sardegna, delle Amministrazioni Comunali di Berchidda e degli altri centri interessati, dell’Unione Europea / progetto Caras, della Comunità Montana Monte Acuto, con la partecipazione e il sostegno di Corsica Ferries–Sardinia Ferries, Unipol Gruppo, GranaroloPodda, Geasar, Associazione i-Jazz, Fondazione Fabrizio De André, Ente Musicale di Nuoro, Festival Creuza de Mà, Le Cantine del jazz, Secauto, È Ambiente, Agenzia Regionale Fo.Re.S.T.A.S. Attivata, infine, una partnership strategica con il Banco di Sardegna, per promuovere, insieme a Time in Jazz, i valori culturali e la crescita economica del territorio.

Info su La Redazione

Controlla Anche

sea

La Spezia. Sea future exhibition & Business Convention

Sea Future Exhibition and Business Convention base navale della Spezia, dal 19 al 23 giugno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com