Home / Ambiente / Da Napoli un forte no al circo con animali

Da Napoli un forte no al circo con animali

Il 21 ottobre la LEAL a Napoli ha messo in atto una campagna di raccolta firme ai sensi dell’articolo 9 del regolamento comunale per chiedere al Sindaco di emettere subito un’ordinanza che pretenda da parte dei circhi i requisiti previsti dalle “Linee Guida per il Mantenimento degli Animali nei Circhi e nella Mostre Itineranti” elaborate dalla Commissione CITES nel 2006. Oltre a proporre un protocollo operativo alle amministrazioni locali da adottare per il rilascio delle autorizzazioni all’attendamento dell’attività circense nei comuni italiani, le linee dispositive hanno lo scopo di verificare il rispetto delle condizioni di benessere degli animali al seguito di circhi e mostre itineranti, anche attraverso la definizione di più chiare indicazioni sulle misure minime di ricoveri e spazi a loro disposizione e sugli arricchimenti ambientali da adottare per soddisfare esigenze etologiche. Si tratta di precise e attente indicazioni che vengono date per garantire il benessere degli animali al seguito di queste attrazioni. I criteri specificano parametri da rispettare per ciascuna tipologia animale (dagli elefanti ai grandi felini, passando per scimmie, orsi, cammelli, zebre, rinoceronti, ippopotami, giraffe e foche) in merito agli spazi e alle condizioni in cui i vari esemplari devono essere tenuti.
Per questo motivo il 5 novembre sono state depositate le 540 firme raccolte (500 è il minimo richiesto – ndr) accompagnate da una nota del Presidente Gian Marco Prampolini con cui si mette in evidenza che, in vista delle istanze da parte anche dei circhi con animali,
“in assenza di una specifica regolamentazione che dia indicazioni chiare sulle misure minime di ricoveri e spazi a disposizione degli animali al seguito di circhi e mostre itineranti e sugli arricchimenti ambientali da adottare per soddisfare esigenze etologiche, si rende necessario un intervento ai sensi del DPR 31/03/1979 che attribuisce ai Comuni, singoli o associati, ed alle Comunità montane, ai sensi degli articoli 27, primo comma, lettera a), e 18 del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, la funzione, esercitata dall’Ente nazionale protezione animali, di vigilanza sulla osservanza delle leggi e dei regolamenti generali e locali, relativi alla protezione degli animali ed alla difesa del patrimonio zootecnico”; e che “tale intervento sarebbe supportato dai principi enunciati all’art. 1, 2 e 3 del regolamento per la tutela degli animali del Comune, in particolar modo al comma 2 dell’art. 1 che riconosce agli individui e alle specie non umane il diritto ad un’esistenza compatibile con le proprie caratteristiche biologiche, fisiologiche ed etologiche;
Imporre una stretta alla regolamentazione relativa agli spettacoli viaggianti è quindi un atto dovuto e necessario. E’ una petizione che chiede di intraprendere questa azione che è la misura più rigorosa possibile che i Comuni possono applicare per garantire maggior benessere agli animali nei circhi.

Nel frattempo è già stata inviata una lettera a tutti i comuni della città metropolitana in cui Paolo Treglia, responsabile LEAL Napoli, sottolinea il messaggio diseducativo che rappresenta il circo con animali, perché trasmette l’idea di sopraffazione dell’uomo che obbliga gli animali a compiere azioni innaturali ed esorta gli enti a dare spazio ai circhi senza animali.

“Se il motivo della lotta contro il circo è basata sul rifiuto delle condizioni innaturali degli animali, per altri versi la questione dovrebbe interessare anche a chi è meno sensibile alla tematica animalista – aggiunge Paolo Treglia – infatti l’attendamento di un circo con animali, oltre alla gestione di procedure amministrative e burocratiche per garantire la pubblica sicurezza, prevede la gestione di ulteriori controlli da parte della ASL finalizzati alla salvaguardia dell’ambiente e della salute pubblica, in particolar modo le modalità di eliminazione di rifiuti solidi e liquidi in osservanza della vigente normativa in materia di rifiuti.

Insomma, se anche lo sforzo fosse commisurato al guadagno per le casse comunali, si tratterebbe comunque di un consistente impegno della P. A. a supporto di esibizioni moralmente discutibili sia sul piano del benessere animale sia a livello educativo. In attesa che “IL GRADUALE SUPERAMENTO DEGLI ANIMALI AL SEGUITO DI CIRCHI E MOSTRE ITINERANTI” PREVISTO DALLA LEGGE DI RECENTE approvazione produca i suoi risultati, le associazioni devono continuare a mettere in campo quanto possono per tutelare gli animali attualmente esistenti: se proprio ci devono stare – perché è impossibile vietarlo – pretendiamo almeno che gli animali al circo siano tenuti nelle migliori condizioni possibili!

circo

Info su La Redazione

Controlla Anche

Delete for Everyone

Truffe on line: false “Catene di Sant’Antonio” di Whatsapp

  Truffe on line. Anche la Polizia Postale invita a prestare attenzione su “Commissariato di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com