Home / LE PROVINCE / Sassari / Dura interrogazione di Desirè Manca sulla grave situazione della sanità sassarese

Dura interrogazione di Desirè Manca sulla grave situazione della sanità sassarese

“Sulla pelle della gente non si scherza. La salute è un diritto che va tutelato a 360° gradi e a Sassari si vive in una situazione da terzo mondo. Nessuno può restare inerme davanti ad un presente come quello che vivono quotidianamente i cittadini sassaresi. Nessuno, tantomeno l’Amministrazione del sindaco Nicola Sanna: la comunità ha il diritto di sapere quali azioni il Comune ha intrapreso a tutela della salute della cittadinanza nei confronti dell’assessore alla sanità Aru, dei direttori generali dell’AOU di Sassari, del direttore generale della ASL sassarese. Il problema va risolto, basta chiacchiere inutili e futili”.

Desirè MancaL’attacco, ancora una volta, è puntuale e deciso. L’interrogazione presentata in Consiglio comunale da Desirè Manca, portavoce del Movimento Cinquestelle, non lascia spazio all’immaginazione. Parte dai fatti, scorre sulle norme, si carica dell’esperienza del singolo cittadino e esplode fragorosa in un rabbioso grido d’allarme, e d’aiuto. Qualche dato. In gennaio l’ospedale Santissima Annunziata di Sassari passa, come previsto dalla legge regionale, sotto la competenza dell’AOU: passano quindi di mano ben 28 strutture e ben 402 posti letto.  Nel 2015 il numero dei ricoveri è pari a circa 17mila per un numero di giornate di degenza vicino alle 140mila. Sono 1300 le unità di personale – medici, infermieri e amministrativi – transitate dalla ASL. A margine è utile sottolineare che le funzioni svolte dalla farmacia ospedaliera sono attualmente espletate dalla struttura afferente al Santissima Annunziata.

“La legge individua il diritto alla salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività. Per fare ciò non si può prescindere dal riorganizzare il sistema sanitario, migliorandolo, rendendolo rispondente alle esigenze del cittadino, adeguando alle stesse i servizi offerti, elevandone gli standard – arringa Desirè Manca -. E questo deve valere per ogni territorio. Si parla di ottimizzazione, di razionalizzazione, di riduzione della spesa sanitaria…e poi facciamo i conti con sovraffollamento dei reparti, carenza di personale, interminabili liste d’attesa, controlli di qualità inesistenti su macchinari e strumentazioni, totale mancanza di medicine e materiali fra cui i farmaci salvavita. Inaccettabile: il sindaco deve prendere posizione e farsi sentire”.

Info su La Redazione

Controlla Anche

Centrosinistra inesistente e astensionismo diffuso, condannano Oristano a un ritorno al passato di Beppe Meloni

Centrosinistra inesistente e astensionismo diffuso, condannano Oristano a un ritorno al passato. Le avvisaglie di una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com