Home / Attualita' / Crescita esplosiva dell’esportazione di armi dall’Italia: la Rheinmetall passa dal 19° posto al 3°

Crescita esplosiva dell’esportazione di armi dall’Italia: la Rheinmetall passa dal 19° posto al 3°

Il senatore del M5S Roberto Cotti, ha reso di pubblico dominio (https://goo.gl/HUXXmN) la Relazione consuntiva in materia di esportazione, importazione, transito intracomunitario ed intermediazione dei materiali d’armamento autorizzate dall’Italia e svolte nel corso dell’anno 2016 (art. 5 della legge 9 luglio 1990, n. 185, e s.m.i.). Sono numeri da brividi. Se la precedente Relazione, con dati riferibili a tutto il 2015, evidenziava un incremento dell’export di materiale d’armamento pari al 197,4% rispetto al 2014 (riferibili alle sole licenze di esportazione definitiva, esclusi quindi i gettiti da intermediazione e dalle licenze globali di programma), tanto da raggiungere il ragguardevole importo di 7.882.567.504 di euro (rispetto ai precedenti 2.650.898.056), ora si è passati dai 7.882.567.504 di euro ai 14.637.777.758,49 del 2016.

Caustico il senatore del M5S Roberto Cotti: “Aspettavo e sollecitavo dal 30 marzo – termine fissato per legge – l’ultima Relazione governativa in materia di esportazione e importazione materiali d’armamento: finalmente Gentiloni si è degnato di farci sapere. Che dire…evviva! Quest’anno l’export di armi italiane è quasi raddoppiato rispetto al già incredibile dato dell’anno precedente, quando fu registrato un incremento del 197%. Il nostro export di morte continua a salire, è un dato di fatto. Nell’indifferenza dei tanti e per l’esultanza di pochi affaristi che si arricchiscono incentivando guerre e terrorismo. Pecunia non olet, evidentemente. E il nostro Paese – mi ripeto – ha le mani sempre più sporche di sangue”.

Percentuali che non lasciano spazio a dubbi. A beneficiarne le aziende del settore, molte di proprietà o partecipate dal gruppo Leonardo (ex Finmeccanica). Da rilevare l’exploit assoluto della Rheinmetall (nelle due diverse compagini societarie) che passa dal 19 posto in classifica (circa 52 milioni di euro nel 2015) al terzo assoluto nel 2016, dopo Leonardo e GE AVIO, con un totale di circa 500 milioni di export. Dati che non sorprendono visto che si tratta dell’azienda finita nell’occhio del ciclone per la produzione (in Sardegna) delle bombe utilizzate poi dall’Arabia Saudita per i bombardamenti in Yemen.

I dati in estrema sintesi:

Anno 2016 – Autorizzazioni: 2.599 – Valore: 14.637.777.758,49

Anno 2015 – Autorizzazioni: 2.775 – Valore: 7.882.567.504,19

Anno 2014 – Autorizzazioni 1.879 – Valore 2.650.898.055,76

N.B.: I  dati riferibili alle sole licenze di esportazione definitiva, esclusi quindi i gettiti da intermediazione e dalle licenze globali di programma (i valori totali sono quindi ancora maggiori)presentato un’interrogazione parlamentare

  Crescita esplosiva dell’esportazione di armi dall’Italia: la Rheinmetall passa dal 19° posto al 3°

Info su Francesca Pitzanti

Controlla Anche

presepe

Cagliari. Esponi il tuo presepe

CAGLIARI. ESPONI IL TUO PRESEPIO NELLA CHIESA DI SANTA CHIARA Hai un presepio della Natività? …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com