Civitavecchia. Aggressione al sindaco Cozzolino

Civitavecchia
image_pdfimage_print

Solidarietà e considerazioni del mondo politico e associazionistico cittadinoCivitavecchiaCIVITAVECCHIA – L’aggressione che ha visto protagonista il sindaco Antonio Cozzolino nella mattinata odierna e sulla quale stanno indagando gli inquirenti ha fatto il giro della città e non solo. Dal mondo politico locale, regionale e nazionale arrivano attestati di solidarietà al primo cittadino, che fortunatamente non ha subito pesanti conseguenze dall’aggressione se non qualche lieve ferita medicata al Pronto Soccorso del San Paolo. L’atto ad opera di un uomo, probabilmente dovuto per l’esacerbazione di una discussione, avvenuto non appena Cozzolino era uscito dalla sua abitazione per recarsi al Pincio.

“L’aggressione brutale ed inaspettata subita stamani dal sindaco ed amico Antonio Cozzolino è un atto indegno. Va condannata perché è un’azione vile in quanto diretta a chi ha deciso con forte senso di responsabilità di dare il suo contributo, sacrificando la famiglia, per migliorare le condizioni disastrose della nostra Città. Con impegno quotidiano, in un Comune senza risorse economiche, deve cercare di risolvere le enormi problematiche che questa Amministrazione in carica di sicuro non ha creato. Anzi, credo che questa è la conferma delle scelte coraggiose che il Sindaco Cozzolino ha dovuto fare, tagliando nettamente con il passato. Passato che è stato caratterizzato dal clientelismo, dalle promesse e dai proclami. Cozzolino agisce con fermezza, tralasciando le logiche del consenso, concentrandosi esclusivamente sul bene dei cittadini tagliando sprechi, compiendo scelte dolorose per risanare il bilancio e scelte lungimiranti, che spesso trovano resistenze, per dare un futuro alla nostra città. Esattamente come dovrebbe comportarsi sempre un vero “Politico”. Questo episodio ignobile dovrebbe far riflettere tutti, è necessario evitare di inasprire gli animi ed allo stesso tempo dovremmo prendere atto dei rischi che corrono gli amministratori tutti i giorni per svolgere il loro compito. Condanno dunque qualsiasi atto di violenza e l’ipocrita solidarietà. Caro Antonio è difficile comprendere questo gesto infame quando si amministra con onestà, tieni duro e non mollare. Io e tantissimi cittadini siamo con te!Esprimo piena solidarietà a tutta la tua famiglia”. Alessandra Riccetti Presidente del Consiglio Comunale

“Esprimiamo piena solidarietà al sindaco Antonio Cozzolino per quanto accaduto questa mattina. Condanniamo e aborriamo sempre la violenza, riconoscendo nel dialogo l’unico possibile percorso da intraprendere per la risoluzione di qualsiasi problematica. Speriamo che la campagna di odio che si è creata in questa città trovi fine il prima possibile. Si dia un segnale di forte condanna per tali atti intimidatori”. Civitavecchia in Movimento

”A nome mio e di tutto il Movimento 5 Stelle, – dichiara Elena D’Ambrosio capogruppo del M5S Civitavecchia – esprimo la mia totale solidarietà al nostro amico e Sindaco Antonio Cozzolino, aggredito questa mattina proprio sotto casa. Antonio è un perfetto rappresentante del M5S: un cittadino prestato alla politica e messosi in gioco in prima persona per rappresentare e risollevare una città che è stata massacrata da decenni di mala amministrazione. Che venga colpita la persona fisica, in maniera vile e ignobile, è decisamente inaccettabile. I Consiglieri del M5S si stringono in un caloroso abbraccio intorno ad Antonio e lo invitano a resistere alla violenza fisica come a quella mediatica e verbale. Siamo certi che non abbia pensato neanche per un secondo di cedere a questa deriva fascista. Antonio, il Movimento 5 Stelle e la città sono con te”.

“Il Partito Democratico di Civitavecchia esprime solidarietà al Sindaco Antonio Cozzolino. La violenza non è mai accettabile in nessuna forma, ne fisica ne verbale. Il clima che si sta creando in città sta diventando insostenibile e dovremmo impegnarci a tutti ad abbassare i toni della discussione politica”.

“Sinistra Ecologia e Libertà – Circolo di Civitavecchia – esprime incondizionata solidarietà al Sindaco Antonio Cozzolino vittima, a quanto abbiamo appreso , di un’aggressione. Al di la delle motivazioni, che sembrerebbero derivare dall’esasperazione di un lavoratore per ritardi nei pagamenti degli emolumenti da parte delle Società partecipate del Comune, riafferma che esclusivamente con la disponibilità al confronto, al dialogo e all’ascolto, si possono trovare soluzioni alle problematiche che stanno immobilizzando il Comune e che, il ricorso alla violenza di ogni tipo, costituisce un deleterio imbarbarimento dei rapporti che lascia scivolare in secondo piano la risoluzione delle criticità che attanagliano la nostra Città. Quanto accaduto, evidenzia anche tutta l’urgenza di dover pervenire alla risoluzione dei problemi di funzionamento delle Società partecipate del Comune, sia per assicurare la giusta tranquillità ai rispettivi dipendenti nel percepire con puntualità le retribuzioni, che per rendere la qualità dei servizi, all’altezza delle aspettative dei cittadini che li rimborsano.

“Ogni azione che travalica il confronto politico, anche acceso, e sconfina nella prevaricazione fisica e nella violenza verbale va condannata senza indugio, – dichiarano unitariamente i consiglieri di minoranza al consiglio comunale – perché ogni forma di aggressione è un germe pericoloso che va isolato per prevenire qualsiasi contagio. In merito a quanto accaduto stamani, stigmatizziamo l’episodio in sé ed esprimiamo solidarietà piena al sindaco a prescindere dalla dinamica dei fatti Peraltro ancora non sufficientemente nota. L’episodio deve costituire per tutti noi un monito ed una sollecitazione ad abbassare i toni e a guardare con maggiore impegno e disponibilità ai problemi dei nostri concittadini. Arroccamenti, atteggiamenti di autosufficienza, indisponibilità al dialogo, da qualunque parte provengano in una situazione emergenziale che richiede il massimo coinvolgimento, possono ancor di più aggravare la distanza tra cittadini ed istituzioni. Facciamo tutti il possibile per recuperare il senso della civiltà e della comunità. Di questo abbiamo innanzitutto bisogno per fare argine ad ogni reazione, anche individuale, che vada al di là del confronto civile”.

“Abbiamo appreso dalla stampa dell’atto increscioso accaduto al Sindaco Cozzolino. Le RSA e RSU di HCS, Città Pulita, Argo ed Ippocrate esprimono piena solidarietà al Sindaco per l’accaduto, ed allo stesso tempo condannano con forza qualsiasi atto di violenza”.

“Esprimo la mia piena solidarietà al sindaco Cozzolino per l’aggressione subita questa mattina nei pressi della sua abitazione. Un episodio di violenza inaccettabile da condannare con forza e sul quale mi auguro si faccia chiarezza al più presto”. Così il deputato PD Emiliano Minnucci interviene in merito all’aggressione subita questa mattina dal sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino, avvenuta nei pressi della sua abitazione”.

“Giunga al Sindaco Antonio Cozzolino la mia completa e incondizionata solidarietà per l’episodio cui è stato vittima questa mattina. Il clima di tensione sociale che purtroppo si respira in città non giustifica in alcun modo il ricorso a forme di violenza, che resta sempre ingiustificabile anche se accennata o intenzionale. Occorre la responsabilità di tutti, politica in testa, per ricondurre il dibattito in un contesto di civiltà e rispetto di ogni opinione, ma ancora di più c’è bisogno di un impegno straordinario per disinnescare alla radice i problemi che nascono principalmente dalla incertezza nel futuro. Gino De Paolis”

“Esprimiamo la nostra solidarietà al sindaco Antonio Cozzolino vittima questa mattina di uno spiacevole episodio, augurandogli di non aver subito conseguenze. Un episodio disdicevole qualsiasi fossero le motivazioni. FORZA NUOVA Civitavecchia“.

“Vittorio Petrelli, a nome del il movimento civico ‘Ripartiamo dai cittadini’ esprime piena e incondizionata solidarietà al Sindaco Cozzolino per la vile aggressione subita. E’ un episodio che si registra in un momento di profondo malessere comune alimentato, da un lato, da una generalizzata sfiducia nelle istituzioni da parte dei cittadini e, dall’altro, da un sempre minor dialogo tra le parti politiche e sociali che dovrebbero garantire alla collettività i giusti punti di riferimento. Nulla però che possa giustificare la violenza o lo scontro fisico, soluzioni da condannare sempre e poste in essere esclusivamente da chi si pone al di fuori delle regole più elementari del vivere comune. Rinnoviamo quindi al sindaco Cozzolino i migliori auguri di pronta guarigione e di ritornare al più presto alla guida della città”.

“Personalmente ed istituzionalmente – dichiara il sindaco di Tolfa Luigi Landi – voglio esprimere la mia vicinanza e quella di tutta l’amministrazione di Tolfa ad Antonio – ha detto Landi – per il gesto di violenza di cui è stato vittima questa mattina. Ancora una volta ci troviamo a dover commentare vicende spiacevoli che vedono protagonisti amministratori del territorio: si tratta di fatti intollerabili, che continuano a ripetersi offendendo la democrazia e le istituzioni”.

“A titolo personale e a nome dell’amministrazione comunale esprimo la solidarietà al sindaco Cozzolino. La violenza non ha giustificazioni di alcun tipo e deve prevalere sempre il confronto basato sul rispetto delle persone e delle istituzioni”. Il sindaco di Ladispoli Crescenzo Paliotta.

“In qualità di coordinatore del M5S di Ladispoli – dichiara Antonio Pizzuti Piccoli – esprimo solidarietà, a nome di tutto il gruppo, al Sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino. In attesa di apprendere le motivazioni del gesto, ci preme evidenziare come da mesi si stia assistendo ad un clima di caccia alle streghe contro l’Amministrazione pentastellata da parte delle altre forze politiche. Anche alla luce dei fatti di oggi auspichiamo il pronto ritorno ad un confronto onesto e civile tra le forze politiche nel rispetto delle istituzioni e dei cittadini di Civitavecchia”.

L’Italia dei Valori di Tarquinia esprime piena solidarietà al Sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino per l’aggressione subita nella mattinata odierna. “Esprimiamo solidarietà umana e politica – le parole del Segretario Regionale giovani Tonicchi Gabriele – per l’episodio di violenza che ha colpito il Sindaco di Civitavecchia. Questi gesti, frutto della disperazione, ci inducono a riflettere sul disagio sociale che vivono i nostri territori in questo particolare momento di crisi economica e che i Sindaci sono chiamati ad affrontare direttamente. Pur comprendendo il disagio sociale e lavorativo alla base di tale atto, condanniamo fermamente e a voce unanime ogni forma di violenza verso le persone e le Istituzioni democratiche. Auguriamo una pronta guarigione al Sindaco e auspichiamo che il governo cittadino risponda a tali comportamenti con una reazione solidale e pacifica che possa alleviare la condizione di questi lavoratori ingiustamente non retribuiti”.

“Un giovane dipendente delle società partecipate di Civitavecchia ha tentato un aggressione al sindaco Cozzolino. Ci dispiace per ciò che è avvenuto – commentano dall’Associazione cittadina Nuovi Orizzonti – perché è grave. E’ grave il fatto ma, in questo caso, la gravità si misura anche con la disperazione che pervade la società civile. Non si tratta in questo caso di uno dei tanti giovani disoccupati che, purtroppo, non hanno possibilità e speranza di pervenire ad una condizione di un lavoro. Un lavoro senza se e senza ma. Un lavoro qualunque esso sia. Si tratta di un giovane, figlio di un professionista della Città che, fra l’altro ha occupato importanti incarichi di prestigio in seno a precedenti amministrazioni. Un giovane che ha avuto la possibilità di godere del beneficio di un lavoro com’è nella speranza di tutti i nostri figli. Sappiamo che in questa Città come in qualunque altra, il lavoro dovrebbe essere un diritto e non può essere considerato un privilegio; a Civitavecchia è stato per lungo tempo un privilegio ed il giovane avrebbe dovuto conoscere più di altri che vi sono responsabilità sulle condizioni complessive delle partecipate cittadine che vanno ben oltre quelle che possono essere attribuite all’attuale giunta e all’attuale sindaco e coinvolgono le amministrazioni di Tidei e, particolarmente, di Moscherini. Ciò non toglie niente al disagio sociale che sta montando nella società. Mi dispiace per Cozzolino che si trova ad affrontare una situazione che, con qualche probabilità, è al di sopra della sua portata e ciò ci spinge ad esprimergli la nostra solidarietà personale, comprendendone le difficoltà. In ogni caso non sono i gesti personali dei singoli che possono risolvere la complessità di questo come di altri problemi che riguardano il lavoro. Abbiamo bisogno di altro; abbiamo bisogno di un poderoso movimento di massa per il lavoro, per recuperare nuovi poteri ai comuni in materia di lavoro e per aprire una vertenza territoriale con gli enti politico amministrativi superiori, dalla Regione al Governo centrale, con protagonista tutta la popolazione, essenzialmente i giovani e con alla testa il Comune, l’entità che dovrebbe essere più vicina agli interessi della gente”.
Fonte: media partner
http://www.tribunapoliticaweb.it
http://www.retewebitalia.net
http://www.lavocedelpopolo.net

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com