Home / LE PROVINCE / Sassari / Tergu. 137.075,53 € da pagare al Comune

Tergu. 137.075,53 € da pagare al Comune

Il Comune di Tergu e il sindaco Gian Franco Satta comunicano che con delibera del Consiglio comunale numero 13 dello scorso 30 marzo, il Comune di Sedini ha ratificato e confermato quanto già stabilito dal Tribunale Amministrativo della Sardegna e dal Consiglio di Stato, ovvero il riconoscimento di un debito fuori bilancio legato al contenzioso fra l’Amministrazione comunale sedinese e quella tergulana del sindaco Gian Franco Satta. Il tutto in relazione alla richiesta di pagamento di fatture emesse dalla società Anglona Ambiente srl per 123.342,88 euro, somma anticipata proprio dal Comune di Tergu quale onere per lo smaltimento rifiuti del Comune di Sedini.

Proprio il Comune di Sedini, sostenendo di non dovere alcuna somma al Comune di Tergu perché nessuna delega – a detta dell’Amministrazione sedinese – attribuiva all’Amministrazione tergulana la facoltà di pagare per conto di altri, aveva contestato la procedura portando il contenzioso, dopo varie traversie, davanti al TAR isolano. Il Tribunale amministrativo regionale ha però riconosciuto le ragioni al Comune di Tergu. Rigettai i ricorsi presentati è arrivato quindi il momento di pagare quanto legalmente dovuto e riconosciuto dagli organi di giustizia: 123.342,72 euro in aggiunta agli interessi con decorrenza dalla messa in mora e alle spese legali quantificate in 2.000 euro, per un totale di 137.075,53.

In seguito al pronunciamento del Consiglio di Stato, il Comune di Sedini e i suoi legali avevano affermato e ribadito a mezzo stampa che “Sedino non deve pagare Tergu”. Gianfranco Satta, sindaco del Comune di Tergu: «Giustizia è fatta. Anzi, è ri-fatta. La legge ha dato ragione al Comune di Tergu, come d’altra parte avevo e abbiamo sempre sostenuto. A più riprese avevo cercato personalmente di raggiungere un accordo con l’Amministrazione comunale di Sedini, una via che passando per una transazione concordata potesse limitare le spese e accorciare i tempi di soluzione della vertenza – spiega -. Così non è stato e me ne dispiaccio. È stato finalmente riconosciuta a tutti i livelli la liceità del credito che avevamo maturato, con naturale aggravio di spese per il comune soccombente. Si chiude una parentesi aperta nel 2013».

Un passo indietro utile a comprendere l’iter della vertenza. Il Consiglio di Stato respinge la richiesta di sospensiva al decreto ingiuntivo emesso dal Tar contro il Comune di Sedini che contestava l’incarico, affidato alla società Anglona, di svolgere l’attività di smaltimento rifiuti e l’onere, per il Comune di Tergu – sede della stessa società – di essere destinatario delle corrispondenti fatture e chiamato, quindi, a provvedere alla loro regolarizzazione per nome e per conto dei Comuni destinatari del servizio di raccolta e smaltimento di quanto derivante da raccolta differenziata negli anni 2008, 2009 e 2010. Il Comune di Sedini aveva impugnato la sentenza numero 536 del 2016, recante il riconoscimento e l’attribuzione in favore del Comune di Tergu di 123.342,72 euro (più spese legali), esattamente quanto confermato ora con ribadita liceità degli atti a riguardo. L’opposizione alla sentenza del Tar datata 30 giugno 2016, che già allora dava ragione al Comune di Tergu, aveva comportato l’opposizione del Comune di Sedini davanti al Consiglio di Stato, organo che oggi, giovedì 16 febbraio, ha respinto l’istanza di sospensione al pignoramento delle somme presso il tesoriere del Comune di Sedini.

 Tergu. 137.075,53 € da pagare al Comune

Info su Francesca Pitzanti

Controlla Anche

libreria dessì

Sassari. Questo Natale 2017 tutti invitati alla Libreria Dessì

Natale. Alla Libreria Dessì di Sassari, Largo Cavallotti 17, una serie di eventi culturali per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com