Cagliari. Il calendario dell’intrattenimento culturale virtuale

Hanno preso il via lunedì 6 aprile 2020 i nuovi progetti di intrattenimento culturale in modalità virtuale dei Musei Civici cittadini e dei Beni Culturali di Cagliari che andranno ad affiancarsi all’iniziativa del Bibliobus.

Come preannunciato dall’Assessore alla Cultura Paola Piroddi, immediatamente a seguito dell’attuale emergenza Covid-19, il Dirigente del Servizio Cultura e Spettacolo, Antonella Delle Donne, ha predisposto gli interventi a supporto dei lavoratori della micro e piccola impresa culturale.

Il progetto #RESTIAMOACASA con i Musei Civici e i Beni Culturali, prevede, attraverso l’utilizzo delle pattaforme social, un quotidiano contatto con il pubblico attraverso una serie di attività divulgative rivolte sia ai grandi che ai piccini.

Intrattenimento culturale

Tra le varie inizative, spiccano i Virtual Tour del Museo d’arte siamese Stefano Cardu e della Galleria Comunale d’Arte, eccezionalmente accompagnati in diretta dalle storiche dell’arte per una vera e propria visita guidata all’interno del museo che si va a presentare.

L’appuntamento del lunedì con i Musei Civici è alle 18 sulla pagina: facebook.com/GCDAC/ con la rubrica “Riscoprendo il Novecento sardo”, attraverso la quale gli storici dell’arte approfondiranno la storia umana e artistica dei principali autori della Collzione civica degli artisti sardi. Sempre il lunedì nella pagina “facebook.com/BeniCulturalidiCagliari/”, si terrà il laboratorio di riproduzione plastica o pittorica di elementi architettonici dei siti archeologici della nostra città “Labor_ando… Labor_ando”.

Il martedì alle 18 l’appuntamento è con il virtual tour live dalle pagine Facebook della Galleria Comunale d’arte o del Museo d’arte siamese Stefano Cardu. Lo storico dell’arte condividerà con il pubblico di Facebook la mappatura virtuale del museo raccontando di volta in volta alcuni aspetti delle Collezioni permanenti. Durante gli incontri virtuali, della durata di circa mezz’ora, le persone potranno interagire in diretta live sulla bacheca attraverso commenti e domande.

Il mercoledì, un video dal titolo “A tu per tu con l’opera”, proporrà ogni settimana dalle 18 sul canale Fb della Galleria Comunale, un affondo su uno dei principali capolavori delle Collezioni Permanenti, mentre i Beni Culturali propongono dei video di approfondimento alla scoperta dei siti culturali di Cagliari.

Il giovedì pomeriggio della Galleria Comunale d’arte è dedicato ai più piccoli. Alle 16 “L’arte spiegata ai bambini: l’arte in biblioteca”, è un laboratorio da poter fare a casa per creare il proprio piccolo museo personale ispirandosi ai grandi capolavori dell’arte. I Beni Culturali propongono invece un quiz fotografico sui siti culturali comunali, al quale il pubblico potrà rispondere per vincere un ingresso gratuito agli stessi. Un modo divertente per stimolare la curiosità attraverso immagini suggestive e semplici quesiti in attesa della loro gradita visita alla riapertura dei luoghi della cultura cittadini.

Il venerdì dei Musei Civici è dedicato alle interviste live previste alle 21, dai profili FB ad alcuni personaggi noti – artisti, collezionisti, esperti d’arte, giornalisti, etc… – chiamati a rispondere di arte e delle sue implicazioni nella vita quotidiana, raccontata secondo il loro punto di vista e la loro sensibilità. I Beni Culturali invece terranno compagnia al pubblico con il secondo appuntamento settimanale di “Labor_ando… Labor_ando”.

Intrattenimento culturale

Doppio appuntamento dei Civici in programma il sabato: il Virtual tour live e Caccia all’autore, un gioco a premi in cui il pubblico sulla base di tre indizi dovrà riconoscere l’autore dell’opera e il possibilmente il titolo della stessa. Il primo a dare la soluzione vincerà un gadget dei Musei mentre la soluzione darà lo spunto ai Musei di pubblicare l’opera completa e la descrizione della stessa.

La domenica i Beni Culturali ci invitano a pranzo, con la rubrica “In cucina con Tigellio” in cui si intende avvicinare i palati del XXI secolo ai sapori della cucina di epoca romana, realizzando con la modalità laboratorio, alcune ricette tipiche dei tempi del famoso Tigellio, tratte dal “De re coquinaria” del cuoco Apicio, vissuto nel I secolo d.C. e famoso principalmente per i suoi banchetti sontuosi ma anche per pietanze meno elaborate e sofisticate.