Approvata la detrazione al 75% per l’abbattimento delle barriere architettoniche

barriere architettoniche

Approvata la detrazione al 75% per l’abbattimento delle barriere architettoniche

FIABA Onlus e RECERT esprimono la loro soddisfazione per l’inserimento nella Legge di Bilancio della detrazione al 75% per interventi di abbattimento delle barriere architettoniche in ambito residenziale.

Gli interventi devono riguardare edifici esistenti e comprendono, ad esempio, la sostituzione di finiture (pavimenti, porte, infissi esterni, terminali degli impianti), il rifacimento o l’adeguamento di impianti tecnologici (servizi igienici, impianti elettrici, citofonici, impianti di ascensori), il rifacimento di scale ed ascensori, l’inserimento di rampe interne ed esterne agli edifici e di servoscala o di piattaforme elevatrici. In aggiunta, è possibile portare in detrazione interventi di sostituzione, smaltimento e bonifica di impianti di automazione.

Rimane un punto fermo che, per essere agevolati, gli interventi devono presentare le caratteristiche tecniche previste dal decreto ministeriale del 14 giugno 1989, n. 236.

advertisement

I limiti di spesa sono modulati in base al numero delle unità immobiliari all’interno degli edifici: da un valore massimo di 50.000 euro per gli unifamiliari a 30.000 euro per unità immobiliare nel caso di edifici composti da più di 8 unità. La detrazione spetterà per le spese sostenute dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022.

Un plauso al Governo per la sensibilità dimostrata sul tema, a tutti i partiti firmatari Forza Italia, Fratelli d’Italia, Italia Viva, Lega Nord, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico. Un particolare ringraziamento, per come lo hanno sostenuto durante i lavori in commissione, ai Senatori Dario Damiani e Maurizio Gasparri.