Consorzi di bonifica: “Senza stabilizzazioni bilanci a rischio”

Il problema riguarda circa 200 lavoratori, la maggior parte dei quali in servizio presso i consorzi di bonifica della Sardegna Meridionale e di Oristano, personale che, nel corso degli anni, ha acquisito il diritto all’assunzione.

Due recenti sentenze del Giudice del lavoro hanno dato ragione a 11 operai, condannando i due consorzi a pagare 8 mensilità arretrate a ciascuno dei ricorrenti e, nel caso del Consorzio di Oristano, a stabilizzare 8 lavoratori.

È una situazione grave – hanno spiegato i presidenti dei Consorzi di Oristano e della Sardegna Meridionale, Cristiano Carrus ed Efisio Perra -, lo stesso diritto alla stabilizzazione lo hanno maturato altri 180 lavoratori. Il danno potenziale per le casse consortili è enorme. Serve una risposta immediata da parte della politica.

Stessa situazione, anche se di dimensioni più ridotte, per tutti gli altri consorzi di bonifica della Sardegna, come hanno testimoniato i presidenti della Gallura e del Centro Sardegna, Toni Stangoni e Ambrogio Guiso, e la dirigente dell’Ogliastra Anna Maria Musella. Per trovare una soluzione complessiva al problema servono circa 6,5 milioni di euro. Soldi da trovare con urgenza, se si vuole evitare di aumentare le tariffe a carico degli agricoltori.

advertisement

A questa emergenza si aggiunge la cronica carenza di personale segnalata a più riprese dai consorzi:

Molti dipendenti sono andati in pensione e non sono mai stati sostituiti, altri lo faranno nei prossimi mesi – hanno detto i presidenti – i servizi e le superfici irrigue in carico continuano invece a crescere. Serve un intervento urgente.

Preoccupazione per la situazione dei Consorzi è stata espressa dai consiglieri d’opposizione Gianfranco Satta (Progressisti) e Piero Comandini (PD).

Per Satta:

È necessario fare chiarezza sui costi futuri dei consorzi: oltre a quelli per gli avventizi, c’è da definire anche il costo per l’assunzione dei lavoratori a tempo indeterminato attraverso contratti in essere con le agenzie interinali.

Piero Comandini ha chiesto invece un quadro dettagliato della situazione del personale a tempo indeterminato e avventizio di tutti i Consorzi:

Solo così si può pensare a un piano complessivo di stabilizzazioni – ha sottolineato l’esponente del PD –, sarebbe opportuno intervenire già nella prossima manovra di bilancio, altrimenti rischiamo di dover intervenire in fase di assestamento con una dotazione finanziaria molto più pesante.

Lavoriamo a una soluzione in tempi rapidi – ha detto il presidente della Commissione Piero Maieli –, oggi abbiamo raccolto i dati forniti dai Consorzi che metteremo immediatamente a disposizione degli assessorati competenti. Nei prossimi giorni faremo il punto della situazione per individuare il percorso migliore.

Lunedì prossimo, alle 11, i rappresentanti dei Consorzi saranno ricevuti dall’Assessore all’Agricoltura Gabriella Murgia.