Parco eolico marino: il centrosinistra chiede il blocco

Parco eolico marino: il centrosinistra chiede il blocco

PARCO EOLICO MARINO TRA OLBIA E SINISCOLA, IL CENTROSINISTRA: “LA GIUNTA REGIONALE BLOCCHI SUBITO IL PROGETTO E APRA DEI TAVOLI TECNICI”

Parco eolico marino:

“La Giunta regionale sospenda immediatamente il progetto che prevede la creazione di un enorme parco eolico nel tratto di mare tra Olbia e Siniscola”.

È questo, in sintesi, il contenuto di una mozione presentata da tutti i consiglieri regionali del Centrosinistra, rivolta al presidente Solinas e alla sua Giunta, primi firmatari Roberto Deriu e Giuseppe Meloni del Partito Democratico.

advertisement

“È inaccettabile che si voglia costruire una struttura così impattante di fronte alla Costa Smeralda, alla Gallura e alla Baronia – affermano i consiglieri –.

Si tratterebbe di un gravissimo passo indietro sia rispetto alle politiche ambientali che tutelano il territorio, sia rispetto al progetto avanguardistico dell’Einstein Telescope, oltreché risultare evidentemente contraria alle politiche che hanno permesso al territorio di divenire Riserva della Biosfera”.

Nelle ultime settimane diverse amministrazioni locali del territorio hanno già manifestato la propria contrarietà al progetto, motivata dalla deturpazione del paesaggio che la costruzione comporterebbe e da una necessaria salvaguardia dell’ambiente e tutela del turismo e della pesca.

Con la mozione, il Centrosinistra impegna il presidente Solinas e la Giunta regionale a

“disporre tutte le azioni necessarie ed urgenti per sospendere l’edificazione dei parchi eolici marini di fronte alla Costa Smeralda, alla Gallura e alla Baronia, e a costituire dei tavoli tecnici indipendenti per una valutazione dell’impatto sull’ambiente dei territori interessati e dell’intera isola, e scongiurare la devastazione del paesaggio e dell’ambiente naturale”.

“Non scenderemo a compromessi –

concludono i consiglieri regionali –, ma continueremo ad opporci a quello che sarebbe un vero e proprio ecomostro marino.

Il mare della Sardegna non è in vendita”.

Cagliari, 22 giugno 2022