Centro informazioni turistiche e una porta del parco: inaugurazione a Torpè

Centro informazioni turistiche

Centro informazioni turistiche e una porta del parco: inaugurazione a Torpè

Il Sindaco Sanna: recuperata una struttura abbandonata da anni

I lavori erano stati assegnati dagli uffici tecnici del Parco di Tepilora a fine maggio del 2021 e in meno di un anno, una struttura abbandonata da anni per mancanza di fondi, ha ripreso vita conquistando il cuore dei progetti ambientali futuri di Torpè e di tutto il territorio circostante.

Ieri, il sindaco Martino Sanna, insieme all’amministrazione comunale, a diverse autorità del territorio, a numerosi rappresentanti istituzionali regionali e delle Agenzie Forestas e Laore, ha ufficializzato la riapertura dello stabile con il classico taglio del nastro.

Una inaugurazione che si inserisce nelle numerose attività culturali, culinarie e folcloristico-musicali organizzate questo fine settimana in paese nell’ambito della rassegna “Primavera nel cuore della Sardegna”. La nuova struttura, ubicata nell’area sportiva del paese, sarà quindi il nuovo centro servizi e informazioni turistiche del Parco di Tepilora, dove si potranno esporre e vendere i prodotti agroalimentari dell’alta Baronia.

Centro informazioni turistiche

advertisement

Una porta del Parco fondamentale per l’accesso ai territori dell’area protetta e per l’accoglienza da dedicare a cittadini e visitatori che raggiungeranno uno degli angoli più incontaminati della Sardegna. I nuovi spazi saranno poi luogo di incontro e socializzazione per la comunità locale che li ravviverà con numerose iniziative. Il buffet di apertura è stato gentilmente curato dalla straordinaria professionalità degli studenti dell’Istituto Alberghiero I.T.C.G. Luigi Oggiano di Siniscola. E poi gli spazi sono stati raggiunti da decine di alunni delle medie di Torpè che hanno ravvivato l’iniziativa.

Il progetto che si fa realtà. L’idea che sta alla base dell’intervento punta a sostenere l’industria turistica legata all’area del Parco e nello specifico agli attrattori locali come il compendio boschivo, curato dall’Agenzia Forestas, di Usinavà piuttosto che all’area belvedere e di sosta di Sa Dea, in prossimità del lago, o al sito archeologico del nuraghe di San Pietro, dove sono stati realizzati interventi di adeguamento per l’accoglienza dei visitatori. Il progetto permetterà oggi di avere un punto di accoglienza turistica, sale espositive, un centro informativo sulle attività che si svolgono all’interno del Parco di Tepilora, che comprenderanno manifestazioni tradizionali, attività sportive e servizi ricreativi, visite guidate ai beni ambientali e archeologici, shopping tour per conoscere i prodotti alimentari e artigianali tipici dei territori di Torpè, Posada, Lodè e Bitti.

Il Parco. Il vice presidente del Parco, delegato nell’assemblea dell’Ente dall’Assessorato regionale della Difesa dell’Ambiente, Paolo Puddu, ha osservato: “Facciamo i complimenti all’amministrazione comunale che ha creduto in questo progetto di recupero e valorizzazione, dando all’area protetta una porta del Parco capace di accogliere i visitatori e dove si potranno organizzare momenti di aggregazione e iniziative legate all’ambiente, all’agroalimentare e a tutte le attività che si muovono a cornice del settore turistico”.

Il sindaco. “Con grande soddisfazione abbiamo riconsegnato a Torpè una struttura che per molto tempo era ferma. Lo abbiamo fatto dandole una destinazione con lo scopo di valorizzare i prodotti locali e di promozione del territorio”. Così il sindaco Sanna che ha aggiunto: “L’idea di proposta turistica del Parco continua a crescere, con passi importanti inseriti in un ragionamento di collaborazione e sinergia tra le istituzioni locali e i diversi portatori di interesse coinvolti”.