Iglesias. Riapre la storica Cartolibreria Sacro Cuore

La vecchia libreria Lux sorse nel 1947 e fu rilevata nel 1961 dalle Piccole Missionarie: una storia di impegno e fede

Mercoledì 3 novembre riaprirà a Iglesias, in via San Marcello 7, la Cartolibreria Sacro Cuore con una nuova gestione da parte dell’iglesiente Giorgia Defraia, dottoressa in Scienze Politiche e mediatrice culturale nei musei.
Molto conosciuta anche al di fuori della città per la sua importanza storico-artistica, la libreria ha alle spalle una storia molto affascinante che merita di essere conosciuta.
La libreria Lux e le Piccole Missionarie
Secondo i documenti dell’Archivio storico diocesano, la libreria Lux nacque dalla volontà del Centro Diocesano della Gioventù Cattolica espressa durante l’Adunanza del 19 aprile 1947: venne quindi affidata la Direzione della Libreria alla Giunta diocesana e l’incarico della Gestione al Centro Diocesano della GIAC. Nel 1953 un gruppo di zelatrici attive nell’O.V.S. sentì la necessità di impegnarsi a fondo nelle vocazioni e, grazie a don Vittorio Lucchesi, allora direttore diocesano dell’Opera per le vocazioni dei sacerdoti, e al vescovo mons. Giovanni Pirastru, venne fondata l’Associazione delle Missionarie O.V.S. L’anno seguente, mons. Pirastru dispose che le Missionarie si chiamassero Piccole Missionarie O.V.S., in quanto “piccole, umili, nascoste in Cristo”, e da qui iniziò nella diocesi un’attività lunga 60 anni a servizio delle vocazioni e del seminario, tra preghiere e una vita attiva sia nella parrocchia che al di fuori, in Sardegna e in altre regioni d’Italia.
Nel 1961, venne acquistata dal signor Bonifai la libreria Lux, che aveva sede al piano terra dell’Episcopio sulla via Pullo, di fronte all’oratorio di San Michele che poi si sarebbe trasferita nell’attuale sede di via San Marcello, ricevendo il nome “Cartolibreria Sacro Cuore”, e fu gestita da due Piccole Missionarie interne. Dopo anni di servizi, impegni e sacrifici, nel 1970 Giovanni Cogoni divenne il nuovo vescovo di Iglesias e, per suo mandato, dall’anno successivo le Piccole Missionarie della libreria si trasferirono in Seminario, sostituendo alcuni membri del personale laico.
Nel 1992 entrò in diocesi il nuovo vescovo mons. Arrigo Miglio e nel 1994 venne restaurato il vecchio oratorio di San Marcello; la libreria fu ampliata e rinnovata. Fu gestita fino al 2020 da Maria Corda, Piccola Missionaria, che ci lavorava da ben 55 anni, e da Vincenzina Steri, chiamata da tutti Cenza, presente in negozio da 20, conosciute dagli iglesienti per la gentilezza e la disponibilità con cui accoglievano i clienti, e che sono riuscite, nonostante la crisi economica degli ultimi anni e all’avvento del web con i conseguenti inevitabili acquisti online, ad aprire ogni mattina la serranda del negozio grazie all’amore per la propria attività.
La storia delle Piccole Missionarie dura ancora oggi, seppure con innegabili difficoltà, infatti non si registrano nuove vocazioni da tempo e l’elenco delle sorelle si è fermato al numero 98.
La riapertura
Dopo un breve periodo di chiusura e di ristrutturazione, la Cartolibreria del Sacro Cuore finalmente riapre e vi aspetta con libri, articoli religiosi, articoli di cancelleria e il sorriso sempre pronto di chi vi farà sentire in famiglia, esattamente come per tutti i 60 anni dell’attività. Sabato 30 ottobre il vescovo ha visitato in anteprima il locale e lo ha benedetto.
La riapertura è prevista per mercoledì 3 novembre alle ore 10 e per tutto il mese, a partire dal 4, seguirà i seguenti orari: da lunedì a sabato il mattino dalle 8 alle 13 e il pomeriggio dalle 16,30 alle 19,30, con chiusura mercoledì e sabato sera. Purtroppo, le restrizioni per il Covid impediranno un’inaugurazione degna dell’attività, ma sarà ugualmente un importante evento per tutti gli iglesienti e non solo.
Alessandra Leo