Sardinia Anima Mundi. Oggi a Cuglieri ultima giornata del Festival nel nome della rinascita del Montiferru

rinascita del Montiferru
Un momento della tavola rotonda, con i distanziamenti anti Covid

Sardinia Anima Mundi. Oggi a Cuglieri ultima giornata del Festival nel nome della rinascita del Montiferru.

Rinascita del Montiferru.Grande successo della tavola rotonda “Rigenerare il paesaggio, rigenerarsi e ricostituire un senso civico e di comunità”, che ha fatto registrare il pienone.

Si prosegue con musica, canti, creatività, laboratori e prodotti autentici del territorio. Al centro di tutto, il rapporto fra uomo e ambiente.

advertisement

Tantissimi cittadini, imprenditori, famiglie hanno assistito al dibattito che ha messo a confronto esperti, amministratori, politici, giornalisti, botanici e docenti universitari e che è stato organizzato dalla neonata Associazione Montiferru. Chiaro e unitario il messaggio: per ripartire indispensabile unire le forze e remare tutti nella stessa direzione.
Oggi la chiusura con concerti e laboratori, spettacoli per bambini e famiglie, visite guidate e il Percorso dei Saperi e dei Sapori, con le pietanze e i prodotti del Montiferru.

A Cuglieri è il fine settimana del del Festival Sardinia Anima Mundi, quest’anno interamente dedicato alla rinascita del Montiferru dopo gli incendi devastanti di luglio. Un lungo e interessante weekend, che anima le giornate di oggi e domani con offerte e proposte per tutti i gusti e tutte le età.

La intensa due giorni è stata aperta dal grande successo della tavola rotonda “Rigenerare il paesaggio, rigenerarsi e ricostituire un senso civico e di comunità”, che ha messo a confronto i massimi esperti del settore su come far rinascere il Montiferru dopo i devastanti incendi del 24 e 25 luglio: tante idee, molte proposte e contributi, grandissima partecipazione di cittadini e imprenditori del territorio. Moderata dal giornalista Sergio Nuvoli, introdotta dal professor Gianluigi Bacchetta, botanico docente dell’Università di Cagliari, responsabile scientifico del progetto di rinascita degli uliveti e dell’olivastro millenario, la tavola rotonda ha fatto emergere un messaggio molto preciso: dopo questo vero e proprio disastro sociale ed economico, è indispensabile mettersi insieme, unire le forze e affrontare compatti il futuro.

Agris, durante i lavori, ha annunciato di aver chiesto alla Regione il via libera a un finanziamento di un milione e 150mila euro come ristoro per il territorio, mentre è stato lanciato l’allarme frane, frequenti dopo gli incendi, e sono stati sollecitati interventi adeguati. Legambiente e Fai hanno assicurato il proprio contributo alla causa della rinascita del territorio. Presente anche il capo della Protezione Civile Pasquale Belloi e alcuni consiglieri regionali. In chiusura, i ringraziamenti della direttrice artistica del Festival, Enedina Sanna.

Per quanto riguarda il programma di domani, nel Parco dell’ex Seminario dalle 10 alle 22 si snoderà il suggestivo percorso dei saperi e dei sapori, con i giovani imprenditori agricoli che mandano così un messaggio chiaro di voglia di ripresa e rinascita dell’attività economica del paese, nonostante il momento di crisi.

L’appuntamento per la conoscenza del paesaggio sarà a Casteddu Etzu, la sommità da cui si domina tutta la vallata che dal Montiferru scende verso il mare. Incontro che si dipanerà tra musica e geologia, storia e leggenda sull’antico castello. Interverranno il musicista e geologo Sebastiano Dessanay e l’Associazione Marafé di Cuglieri per gli aspetti storici.

Per i laboratori dei saperi, si continuerà con la ricostruzione dei muretti a secco, questa volta l’appuntamento è alle 11 all’olivastro millenario, e si proporrà inoltre un laboratorio per produrre l’antico detergente “sa lissia” a cura del Centro Studi MamaTerra.

Nel pomeriggio in Teatro si potrà assistere alla proiezione di un filmato del regista Enrico Pau, anteprima di un documentario in corso di lavorazione realizzato durante i drammatici giorni degli incendi.

Per le famiglie e i bambini, “Il Circo a 3 ruote”, un laboratorio ludico-pedagogico a cura della coop. “La Famiglia”, uno spettacolo di musica con hang drum e bolle di sapone, la narrazione di una fiaba africana con Mamadou Mbengue e infine le marionette di Nadia Imperio, con un laboratorio e poi nel pomeriggio lo spettacolo.

rinascita del Montiferru
Un momento della tavola rotonda, con i distanziamenti anti Covid

In programma anche una visita guidata al Museo dell’Olio di Giorgio Zampa. Il festival si conclude con gli spettacoli musicali al chiostro: Golden Sun con Daniele Porta, chitarra acustica; Gianni Puddu, tastiera; Aurelio Serra, voce (in collaborazione con la Scuola Civica di Musica del Montiferru),
a cui seguirà il concerto per piano e voce della cantante Ilaria Porceddu- (In allegato il programma dettagliato di domani)

Organizzazione e partner – Il progetto Sardinia Anima Mundi festival nasce come una delle azioni immateriali fondanti del progetto pilota di riuso turistico del centro storico di Cuglieri, finanziato dalla regione Sardegna e cresciuto negli anni scorsi grazie ai contributi della legge regionale 7/55. E’ promosso dall’Amministrazione Comunale di Cuglieri, con la partecipazione di numerose associazioni locali e l’organizzazione di Archivi del Sud.Per tutti gli aggiornamenti:
www.sardinianimamundi.org
info@sardinianimamundi.org
Facebook @sardinianimamundi