Cybersicurezza, Nicastri (Aidr): bene Draghi sulla nomina del  direttore dell’Agenzia in tempi rapidissimi

cybersecurity
Italian Premier Mario Draghi during a press conference at Chigi Palace, Rome, Italy, 18 June 2021.  ANSA/GIUSEPPE LAMI

“La nomina in tempi rapidissimi da parte del premier Draghi del Prof.  Roberto Baldoni, attualmente vicedirettore del Dis, come direttore  dell’Agenzia per la Cybersecurity, è un segnale importantissimo per  tutto il Paese in direzione di una sempre maggiore attenzione ai temi  della digitalizzazione e della sicurezza informatica in un momento  estremamente delicato per il nostro Paese.” Così il presidente di  Aidr, Mauro Nicastri, in una nota.

“Sotto la guida di Baldoni –  prosegue Nicastri –l’Agenzia saprà lavorare non soltanto per garantire  una maggiore tutela degli interessi nazionali e della resilienza dei  servizi e delle funzioni essenziali dello Stato da minacce  cibernetiche, ma contribuirà allo sviluppo dei progetti legati alla  sicurezza informatica.” “L’istituzione dell’Agenzia per la cyber  sicurezza è un tassello importante – ricorda Nicastri anche per  consentire la piena attuazione delle misure stabilite nel PNRR.

L’investimento nella digitalizzazione non può prescindere da una  attenta cabina di controllo, che sappia monitorare e prevenire i  rischi informatici. In quest’ottica, siamo sicuri che Roberto Baldoni,  docente alla Facoltà di Ingegneria dell’Informazione e direttore del  Centro di Ricerca Sapienza in Cyber intelligence e Information  security dell’Università la Sapienza, vicedirettore del Dis e tra i  massimi esperti italiani in fatto di sicurezza cibernetica, saprà  imprimere il giusto cambio di marcia al Paese, superando gli atavici  ritardi dovuti anche alla mancanza di competenze digitali.

advertisement

Aidr,  attraverso l’osservatorio per la cyber security – conclude Nicastri –  proseguirà la sua azione di diffusione della cultura digitale per  sensibilizzare i cittadini sui rischi della rete e del web provando a  dare il proprio contributo sia in termini di analisi del contesto, sia  per ciò che concerne la formazione”.