Ppr: impugnata legge regionale. Deiana e Perantoni (M5S): “Nessuna sorpresa, norme scellerate per la nostra Terra”

Ppr: impugnata legge regionale

Ppr: impugnata legge regionale. I parlamentari del Movimento 5 stelle Paola Deiana e Mario Perantoni commentano la decisione del Consiglio dei Ministri, arrivata nella tarda serata di ieri, di impugnare la legge della Regione Sardegna n. la legge della Regione Sardegna n. 21 del 13/07/2020, recante “Norme di interpretazione autentica del Piano paesaggistico regionale”.

Ppr: impugnata legge regionale

“E’ un atto di buon senso, di rispetto della legalità e dell’ambiente: siamo molto soddisfatti perchè abbiamo vinto una prima battaglia contro norme scellerate e devastanti per la nostra terra”, affermano la capogruppo della Commissione ambiente e il presidente della Commissione giustizia.

“L’articolo 1, riguardante il piano paesaggistico – spiegano – viola gli articoli 9, 97 e 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione, che riserva alla competenza statale la tutela dell’ambiente e del paesaggio”.

“Una decisione che auspicavamo per il bene della Sardegna, guidata oggi da un gruppo dirigente incapace di approvare leggi legittime. E a farne le spese, come sempre, sono i sardi”, sottolineano i deputati che precisano anche: “Ora aspettiamo il giudizio della Corte costituzionale, ma purtroppo, fino al quel momento, questa leggina, voluta da un centrodestra inadeguato a guidare la nostra Isola, creerà il caos tra i Comuni e gli imprenditori e potrebbe ispirare a fughe in avanti, a dispetto della tutela del paesaggio e dell’ambiente”.

“Insomma, un nuovo pasticcio della Giunta Solinas, non nuovo a proporre leggi incostituzionali – sottolineano i parlamentari -. È di qualche mese fa, infatti, la decisione dello stesso Consiglio di impugnare la legge n. 1 del 21 febbraio 2020 recante “Disposizioni sulla gestione della Posidonia spiaggiata”. Questa è l’ennesima dimostrazione di come, nella migliore delle ipotesi, la giunta Solinas abbia le idee alquanto confuse”.