Enti Locali. Saiu(Lega): “La commissione autonomia ha votato la sua prima riforma importante”

Saiu”La commissione Autonomia ha approvato oggi la prima riforma importante di questa legislatura: il riordino complessivo dell’assetto territoriale degli enti locali della Sardegna coerente con le sollecitazioni arrivate dai sindaci e dalle popolazioni”.

Lo ha affermato Pierluigi Saiu (Lega), presidente della Commissione Autonomia e Riforme, dopo la votazione, a maggioranza, del Testo unificato PPLL 6-20-155-176.

(Modifiche e integrazioni alla L.R. 2/2016). Adesso il testo di legge sarà inviato alla commissione Bilancio per il parere di competenza.

“Abbiamo lavorato su un testo unificato e lo abbiamo integrato con altre proposte.

La Commissione ha affrontato questo provvedimento partendo proprio dal confronto con i sindaci: abbiamo ascoltato quelli dell’Ogliastra, del Sulcis, del Medio Campidano e quelli delle Unioni dei comuni del sud Sardegna.

Il confronto con le forze di opposizione è stato costruttivo e il testo votato dalla Commissione è un buon testo.

Ringrazio i commissari che hanno contribuito con il loro impegno e con le loro proposte a realizzare questo importante risultato”.

Saiu ha poi aggiunto: “Abbiamo esercitato a pieno l’autonomia che ci riconosce lo Statuto e in alcuni passaggi della riforma lo abbiamo fatto coraggiosamente.

Le norme sulle Unioni delle province e sulla consultazione delle popolazioni costituiscono delle novità normative interessanti.

È un sistema equilibrato, che consegna istituzioni più vicine ai cittadini. La riforma della legge 2 – ha ricordato il presidente della Commissione Autonomia – si è resa necessaria perché quel modello non ha funzionato e bisognava cambiarlo”.

Saiu ha poi anticipato i prossimi temi che impegneranno la Commissione da lui presieduta: “Ci prepariamo ad approvare altre riforme importanti:

quella sulle funzioni degli enti locali, quella sul funzionamento della regione e vogliamo portare avanti una coraggiosa attività di semplificazione e sburocratizzazione.

Dovremo difendere con determinazione la nostra autonomia dai tentativi di comprimerla. La sfida più grande sarà proprio questa”, ha concluso Saiu.

saiu