Tortolì: il 23 gennaio arriva “I mestieri del cinema – Visioni sarde” all’ITI

I mestieri del cinema – Visioni sarde

La proiezione dei cortometraggi di “Visioni Sarde” consentirà di illustrare il mondo produttivo dietro la macchina da presa e il lavoro complesso e articolato di una troupe cinematografica.

Oltre alle figure chiave del regista e del produttore, la realizzazione di un film necessita infatti di figure professionali altamente specializzate che devono assolvere compiti via via artistici, tecnici e logistici. L’elenco è lungo: dallo sceneggiatore all’operatore di macchina, dal montatore al fonico, dal direttore della fotografia allo scenografo. Fare cinema significa inoltre impiegare costumisti, truccatori, attrezzisti, microfonisti, sarti, responsabili degli effetti speciali e, naturalmente, doppiatori e attori.

Il Cinema offre, insomma, tante possibilità di lavoro e l’iniziativa del 23 gennaio permessa dal dirigente Giacomo Murgia, e voluta dalla professoressa Maria Antonietta Littera, che coinvolge gli studenti della 3^B del Liceo Scientifico di Tortolì, fornirà agli interessati una visione d’insieme su questi sbocchi lavorativi, oltre a rappresentare un incontro con il cinema sardo di qualità.

All’appuntamento cinematografico non hanno voluto mancare, quali spettatori d’eccezione, gli adulti dell’Università della terza età per i quali è stata programmata, in altra data, una proiezione speciale presso la Biblioteca comunale “Emilio e Joyce Lussu”.

Questi i titoli che saranno proposti ai giovani studenti:

  • “Dans l’attente” di Chiara Porcheddu;
  • “Eccomi (Flamingos)” di Sergio Falchi;
  • “Il nostro concerto” di Francesco Piras;

[foto id=”292862″]

  • “La notte di Cesare” di Sergio Scavio;
  • “Sonus” di Andrea Mura;
  • “Spiritosanto – Holy spirit” di Michele Marchi;
  • “The wash – La lavatrice” di Tomaso Mannoni;
  • “Warlords” di Francesco Pirisi;
  • “L’Unica Lezione ” di Peter Marcias.

[foto id=”292861″]

“I mestieri del Cinema – Visioni Sarde” a Tortolì è realizzato dall’I.T.I di Tortolì e dall’Università della terza età in collaborazione con Fondazione Sardegna Film Commission e Associazione Culturale Malik. L’evento si avvale del contributo della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato del Lavoro (Legge Regionale 7/1991 art. 19). I compiti organizzativi sono stati affidati al Circolo “Su Nuraghe” di Alessandria.