Oristano – Primo Torneo Internazionale di Pariglia

Dal 21 gennaio prossimo, sino al 13 febbraio, nei locali della Mutuo Soccorso in via Solferino 58, ad Oristano, si terrà il 1° Torneo Internazionale di Pariglia, un gioco da tavolo ispirato al Carnevale di Oristano. La partecipazione è gratuita.

Primo Torneo Internazionale di Pariglia

Le squadre si comporranno di tre persone e a tutti i partecipanti, dopo la prima partita, vinta o persa, sarà dato in omaggio un mazzo del gioco.

Per partecipare non bisogna necessariamente saper giocare, perché ci saranno partite di prova e di allenamento, ma per saperne di più basta telefonare al 328 833 9963 o mandare una mail al seguente indirizzo: peppecau@gmail.com

Dopo la partita amichevole del 21 gennaio scorso alla Mutuo Soccorso, fra Copy&Creativity e VICINO A TE Supermercati, e quella del 23 Gennaio, sempre in amichevole fra Vittoria Assicurazioni Agenzie Giorico e Cooperativa Penisola del Sinis, il 28 gennaio, con inizio alle ore 17:30, ci sarà la prima partita valevole per il 1° Torneo Internazionale di Pariglia fra le squadre Foto Qss Oristano e SOMS Oristano. Il torneo terminerà il 13 febbraio con le premiazioni delle squadre.

Abbiamo chiesto all’inventore del gioco, Peppe Cau, di spiegarci come è nato questo nuovo gioco da tavola ed ecco cosa ci ha risposto:

Nell’estate del 1993, dopo aver deciso le regole del gioco da tavolo Pariglia, ho pensato che bisognava testarle, vedere se poteva funzionare – ci ha spiegato. – Ho realizzato un mazzo prototipo con del cartoncino: 70 carte, 10 carte punto e 2 gruppi di 30 per le due squadre avversarie, 10 mani in tutto su una partita divisa in 2 manches. In quelle sere estive abbiamo giocato – ha continuato -, ci siamo divertiti. Dopo 10 anni, collaborando in quel periodo con una ditta di cartotecnica, ho chiesto quanto poteva venire a costare la stampa di un migliaio di mazzi e ho deciso di provare. Ho contattato due fotografi Oristanesi per le foto dei cavalieri e chiesto l’autorizzazione per il loro utilizzo. Per le spese di stampa, ho cercato uno sponsor per il dorso di tutte le carte e una ventina di contributi per il logo aziendale sulle pariglie. Questo nel dicembre 2003; nel 2004 ho partecipato al concorso internazionale Premio Archimede per giochi da tavolo inediti e, nel 2020, ho organizzato il 1° Torneo di Pariglia, ma forse nel futuro si potrà giocare anche online.

Come si gioca a Pariglia? Le regole

Queste le regole del gioco: si gioca in sei persone, due squadre avversarie composte da tre giocatori ciascuna. Una partita è divisa in due manches ed ognuna di queste in dieci mani. Lo scopo del gioco è di totalizzare il maggior numero di punti (sommando quelli delle due manches); a parità di punteggio la partita è da rifare. Il mazzo è composto da 70 carte ed è suddiviso in tre gruppi riconoscibili dal colore del dorso.

Si inizia il gioco posizionando il mazzo dei punti al centro del tavolo, con il dorso verde verso l’alto. si distribuiscono alle due squadre, con i giocatori disposti in ordine alternato, le altre sessanta carte. Le carte rosse alla squadra che gestirà la prima manche, le carte blu alla squadra che gestirà la seconda manche. Gestire la propria manche consente delle priorità: • Iniziare le mani. • Vincere a parità di somma. • Vincere a parità di Pariglia.

Il giocatore (rosso nella prima manche, blu nella seconda) in possesso della carta con “Su Componidori” (cavaliere con il cilindro), dopo averla mostrata agli altri giocatori, girerà la prima carta verde (punto) ed inizierà la prima mano giocando una delle sue carte, seguiranno a turno gli altri cinque giocatori. Prenderà il punto la squadra che, sommando i numeri sulle sue tre carte appena giocate, avrà il totale più basso. A parità di somma fra le due squadre vale la priorità data dalla manche in atto. Finita la prima mano, il secondo compagno di squadra (rosso nella prima manche, blu nella seconda) girerà la seconda carta punto e inizierà a giocare la seconda mano. Una volta attribuito il punto, il terzo compagno (rosso nella prima, blu nella seconda) girerà la terza carta punto ed inizierà a giocare la terza mano, e così via fino alla decima mano.

Finita la prima manche si distribuiscono di nuovo le carte e, dopo averle mischiate, si gioca la seconda. Quando una squadra riesce a giocare nella stessa mano le tre carte con lo stesso numero/colore realizza Pariglia. Questo consente di aggiudicarsi il punto qualunque sia la combinazione giocata dagli avversari. Nel caso in cui entrambe le squadre facciano Pariglia vince quella con il numero più basso. In caso di numero uguale vale la priorità data dalla manche in atto. Le due pariglie con Su Componidori (una rossa e l’altra blu) non hanno alcun numero stampato sopra, perciò valgono zero. Le carte-punto sono 10: cinque valgono 1 punto, le altre carte-punto valgono cadauna 2, 3, 4, 5 e 6 punti.

Rosy Massa