Collinas: l’8 febbraio, “Il legno incontra il tessuto” alla Falegnameria Cau

Ed è proprio intrecciandosi che questi elementi danno vita a un nuovo modo di lavorare e presentare l’artigianato artistico di eccellenza sul mercato isolano, nazionale e internazionale.

Tradizione e innovazione, e ancora professionalità, che si mettono insieme ad elementi diversi che si amalgamano tra loro, per dare risposte a un mercato dell’artigianato che è sempre più esigente e competitivo.

“Il legno incontra il tessuto”

È il nome dell’iniziativa e dell’evento pensato da Rosella, Giorgio e Andrea Cau, fratelli della Falegnameria Cau di Collinas che, con la materia del legno, hanno evidentemente molta confidenza.

La collaborazione con la designer Mara Damiani e gli artigiani Bianca Damiani e Furio Carturan (in copertina) di Filatex Ricami (Decimomannu) è stata fondamentale per la buona riuscita dell’idea.

L’appuntamento è per l’8 febbraio nello Show-Wood della falegnameria Cau, dalle ore 17 alle 20, a Collinas.

Abbiamo voluto unire il Legno al Tessuto – ha spiegato Rosella Cau – in una nuova linea di porte interne e complementi d’arredo su misura e uniche nel loro genere. La linea “Contrast” della Designer Mara Damiani, realizzata in collaborazione con gli artigiani di Filatex Ricami, si è evoluta ancora ed è stata declinata per arredare in maniera artistica e con gusto appartamenti o locali.

[foto id=”293885″]

Le linee pulite e semplici del legno creano un armonico-contrasto con i colori del tessuto. I disegni sono ispirati alla Sardegna, con riferimenti alle icone e ai cromatismi che affondano le radici in tempi antichi, con un linguaggio moderno che porta in sé un forte senso identitario dell’isola, il tutto rivisitato in chiave moderna, nello stile di Mara Damiani.

Ci apriamo alle esigenze e tendenze del mercato artigianale e artistico, che vede uno stravolgimento continuo grazie anche alle nuove tecnologie delle quali può avvalersi – ha proseguito Rosella Cau –, quindi tutto il nostro lavoro vuole e deve essere un richiamo alla nostra terra, ma gli elementi scelti, come il legno e i filati, si devono necessariamente muovere nel segno della modernità e qualità che i tempi richiedono. Solo così l’artigianato di eccellenza sardo può essere un prodotto ricercato e ambito a livello internazionale, ne siamo convinti.

[foto id=”293883″]

Un nuovo modo di lavorare e di pensare l’artigianato, dunque, e di presentarsi al mercato con nuove idee, attraverso le contaminazioni.

Le porte vengono ricoperte di tessuto, i quadri possono essere filati con richiami alla Sardegna più atavica. Abbiamo già sperimentato la contaminazione con il metallo, legno e metallo insieme, e abbiamo realizzato delle vere e proprie opere d’arte. L’idea è piaciuta molto – ha concluso Cau – e per questo abbiamo pensato di andare avanti e lavorare con il design e i filati.

[foto id=”293886″]Rosella Cau