Il 10 dicembre 2019 ricorre la Giornata dei Diritti Umani

Infatti oggi si parla di negazionismo, di crescita dei fenomeni connessi all’odio razziale, religioso e di genere; il linguaggio nei confronti delle categorie vulnerabili della società diventa sempre più offensivo e minatorio; si assiste ad una strana dicotomia, soprattutto sul web: da una parte ci si indigna per la gratuità di alcuni atteggiamenti prevaricatori e aggressivi, dall’altra parte si indulge al cinismo, bistrattando quello che viene sprezzantemente definito “buonismo”, mentre invece costituisce semplicemente il rispetto del prossimo nella sua globalità e individualità.

La nostra non è purtroppo una società educata ai valori umani; nelle famiglie, troppo spesso, per svariate ragioni, mancano i presupposti per consentire un rapporto armonico dell’adolescente con il mondo esterno; la difficoltà di stabilire relazioni empatiche tra giovanissimi, l’incertezza del futuro incidono pesantemente sulla percezione del reale, motivo per il quale le facili soluzioni della “segregazione” – derisione – eliminazione del diverso diventano la panacea globale.

Il Coordinamento, esprimendo il più totale dissenso dalla liturgia dell’odio belluino di massa, rinnova invece la sua fiducia nell’educazione, nel dialogo, nella comprensione e divulgazione dei temi umanitari e civili evidenziati anche nella DUDU, i cui contenuti possono trovare degna collocazione nell’ambito della terza edizione delle Olimpiadi Digitali dei Diritti Umani, il cui progetto è stato presentato nel bando Monitor 440 del MIUR. In tale giornata le scuole siano lievito di pace e diventino laboratorio operativo per l’educazione all’umanità; invitiamo gli insegnanti degli istituti di ogni ordine e grado, dopo aver letto il preambolo e sollecitatane la pubblicazione sul sito di riferimento scolastico, a ricordare l’operato e alcuni nominativi dei tanti attivisti per i diritti umani del pianeta vittime di violenze e soprusi. #noiperunmondomigliore.

È meglio la peggiore delle democrazie della migliore di tutte le dittature (Sandro Pertini).

Prof. Romano Pesavento, presidente CNDDU