Le Rubriche di Sardegna Reporter - Associazioni-Sindacati

FSP insorge dopo le parole del Capo della Polizia, Franco Gabrielli

"Come veniamo trattati è una vergogna tutta italiana. Non c'è rispetto per la nostra dignità".

È sconcertante che dobbiamo stare qui a discutere di come debba essere valutato il pagamento di straordinari obbligatori effettuati ormai due anni fa. Non solo la cosa è di per sé vergognosa, considerato che nessuno è disposto a lavorare sperando di essere pagato, forse, due anni dopo; ma la cosa aggiunge onta all’offesa, poiché è bene spiegare che un’ora di straordinario viene pagata meno dell’ora ordinaria lavorata da un poliziotto e, comunque, parliamo della cifra più bassa in assoluto rispetto a qualsivoglia altro lavoro. Ci si aggiunga che, sempre per i consueti diabolici meccanismi relativi alle trattenute Irpef, più straordinario si fa meno viene pagato e il disastro è completo. Non serviva davvero di arrivare alla folle attesa di due anni per ricevere quattro spiccioli, serve un capitolo di spesa che preveda un pagamento degli straordinari al massimo ogni tre mesi. Nessun Paese democratico che voglia dimostrare di avere minimamente a cuore la sicurezza pubblica e la dignità dei propri operatori in divisa può consentire che si giunga a un tale livello di noncuranza, a fronte di donne e uomini che vivono una vita sacrificata in maniera assolutamente unica e specifica. La sicurezza è un investimento che merita tutti i costi connessi e non c’è modo di metterla diversamente.

Lo afferma Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’FSP Polizia di Stato, dopo le parole del Capo della Polizia, Franco Gabrielli, il quale ha fra l’altro affermato:

È immorale pagare 4 euro all’ora gli straordinari dei poliziotti ed è immorale che gli agenti debbano aspettare due anni per vederseli riconosciuti.