Giornata FAI d’autunno in Sardegna: apre il sito di Guardia Vecchia a La Maddalena

L’evento organizzato dal FAI – che opera su tutto il territorio nazionale, anche grazie a una fitta rete di volontari organizzati in oltre cento delegazioni locali che promuovono in concreto la cultura e il rispetto della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni d’Italia al fine di tutelare il patrimonio nazionale – ha consentito a circa 200 persone, tra visitatori, “Allievi Cicerone”, docenti accompagnatori e delegati FAI di Sassari, Olbia-Tempio e del formando Gruppo di La Maddalena, di poter visitare il vecchio “Semaforo di Guardia Vecchia”, oggi sede della Sala operativa della Guardia Costiera di La Maddalena, per la gestione e il coordinamento del soccorso marittimo, e del locale centro VTS, per il monitoraggio del traffico marittimo all’interno delle Bocche di Bonifacio, tratto di mare di particolare pregio naturalistico.

L’apertura del sito è stata arricchita da visite guidate a cura degli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “G. Garibaldi” di La Maddalena, coordinati dalla Delegazione FAI di Sassari, che hanno aderito al progetto “Apprendisti Ciceroni”, progetto di formazione, nato nel 1996 e cresciuto negli anni, con il quale i ragazzi hanno l’occasione di accompagnare il pubblico alla scoperta del patrimonio di arte e natura del proprio territorio e di sentirsi direttamente coinvolti nella vita sociale, culturale ed economica della comunità, diventando esempio per altri giovani in uno scambio educativo tra pari.

[foto id=”288628″]

Durante le visite, il personale militare della Guardia Costiera di La Maddalena ha colto l’occasione per promuovere il progetto #PlasticFreeGC – promosso dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera su mandato del Ministero dell’Ambiente della tutela del Territorio e del Mare, al fine di sensibilizzare i cittadini a una maggiore responsabilità e attenzione alle questioni ambientali, stimolando comportamenti attivi e virtuosi finalizzati al rispetto e alla conservazione dell’habitat marino, alimentando una nuova cultura della sostenibilità, soprattutto tra le nuove generazioni, con particolare riferimento alla tematica “Plastic Free”.