Confindustria e Ispettorato Lavoro Sassari: seminario Sistemi controllo a distanza dei lavoratori

Le novità normative in materia, a partire dal Jobs Act. Ieri (9 ottobre) a Villa Mimosa seminario promosso da Confindustria Centro Nord Sardegna in collaborazione con l’Ispettorato del Lavoro

Più informazioni su

Fornire un quadro di sintesi delle principali novità legislative in tema di controllo a distanza dei lavoratori. Ieri pomeriggio (9 ottobre) Villa Mimosa ha ospitato un seminario promosso da Confindustria Centro Nord Sardegna in collaborazione con la Direzione regionale e provinciale dell’Ispettorato del Lavoro.

seminari

Dopo i saluti del direttore di Confindustria CNS Giansimone Masia e la relazione introduttiva del direttore dell’Ispettorato provinciale del Lavoro Massimiliano Mura, è stato proposto ai rappresentanti delle aziende presenti un focus dettagliato su adempimenti e passaggi da effettuare per rispettare le limitazioni poste dal legislatore a seguito della diffusione delle tecnologie digitali e degli strumenti informatici che incidono sensibilmente sulla vita lavorativa del personale.

Oggi infatti, quando si parla di controlli a distanza, non ci si limita più ai soli sistemi audiovisivi. Occorre considerare anche i pc, gli smartphone, i tablet o ancora i gps collocati nelle vetture aziendali o nei mezzi di lavoro, nonché i sistemi di registrazione degli accessi e delle presenze o ogni altro sistema o mezzo che possa, anche incidentalmente, monitorare la prestazione lavorativa del dipendente in azienda.

Aspetti analizzati dai relatori, tutti e tre ispettori del lavoro della Direzione regionale, Silvia Serra (Il controllo a distanza dallo Statuto dei Lavoratori al Jobs Act), Gabriele Cauli (La circolare INL 5/2018: Indicazioni operative sull’installazione e utilizzazione di impianti audiovisivi e di altri strumenti di controllo ai sensi dell’art. 4 della Legge 300/1970) e Roberto Usai (Stretta interazione tra l’articolo 4 della legge n.300/1970 e la normativa in materia di protezione dei dati personali).

«Il tema tocca la privacy e la dignità della persona-lavoratore, insieme alle esigenze organizzative aziendali e di protezione del patrimonio dell’impresa. E deve fare i conti con l’innovazione della tecnologia che dal 1970 a oggi è nettamente mutata», ha spiegato il direttore dell’Ispettorato provinciale del Lavoro Massimiliano Mura. La disciplina, contenuta nello Statuto dei Lavoratori, è stata infatti di recente modificata dal Jobs Act.

La nuova formulazione dell’articolo 4 dello Statuto recita: «Gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale». In ogni caso, serve un accordo sindacale o un’autorizzazione dell’Ispettorato del lavoro. Un controllo quindi definito “incidentale”.

Una profonda innovazione in materia: fino al 2015 infatti, prima della riforma voluta dal Jobs Act, vigeva un divieto assoluto di utilizzo di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori.

 

Più informazioni su