Sassari. Dal 2 settembre sospesa la ZTL

Più informazioni su

All’indomani dell’insediamento, mantenendo l’impegno preso in campagna elettorale, la Giunta comunale ha avviato un ampio confronto con oltre 500 operatori commerciali del centro e delle zone vicine, durante il quale è stata confermata la necessità di rivedere l’attuale disciplina della Zona a Traffico limitato, partendo dalla sua sospensione.

Dal dialogo sono emerse diverse criticità, prima fra tutte il fatto che il centro cittadino oggi sia percepito come scarsamente godibile e accogliente da chi arriva dagli altri quartieri e dall’hinterland. Per questo l’Amministrazione comunale, con deliberazione di Giunta adottata questa mattina, ha disposto la sospensione dal 2 settembre della Zona a Traffico limitato.

Uno stop temporaneo che riguarda «solo ed esclusivamente le limitazioni orarie di accesso alla Ztl» mentre «la disciplina della viabilità e della sosta attualmente presente all’interno della Ztl» resta invariata. Da lunedì, dunque, sarà consentito il libero transito a tutti i veicoli, con eccezione di quelli per i quali esiste già un divieto previsto da altre norme.

Tra le altre criticità riscontrate e che hanno portato a questa decisione, ci sono la mancanza di risposte positive sulla reale fruibilità per i pedoni e allo stesso tempo l’elevata concentrazione di auto nelle strade vicine al centro, nonostante una serie di modifiche e sperimentazioni dal 2011 (quando è stata istituita la Zona a Traffico limitato nel cuore della città) che nel tempo hanno cambiato il progetto ma non hanno portato alla risoluzione dei diversi problemi.

La scelta dell’Amministrazione comunale è strettamente legata alla necessità «di riordinare in maniera compiuta la disciplina della viabilità e della sosta all’interno delle aree del centro cittadino», come si legge nella deliberazione, anche tenuto conto dell’attuale mancanza «di una più compiuta verifica sulle ripercussioni dell’istituzione della Ztl sulle dinamiche del traffico, commerciali e residenziali».

Una sospensione necessaria, per ripartire con una nuova e valida programmazione, basata su «indagini aggiornate» relative al traffico e ai flussi di auto e mezzi, alle aree di sosta, diversificate per tipologia e tenuto conto delle zone di sosta e di scarico merci attualmente presenti e censite.

 

 

Più informazioni su