Cambierà la composizione numerica di giunta e consiglio ma non l’operatività camerale sul territorio

Alla luce della riforma, in Sardegna, Cagliari e Oristano si fonderanno tra loro per dar vita ad un unico ente, Sassari e Nuoro, invece, con motivazioni differenti, manterranno il loro assetto territoriale

Più informazioni su

Novità che prevedono dalla primavera prossima la diminuzione del numero dei consiglieri dell’ente camerale del nord Sardegna, che passerà da 29 a 19 e dei componenti di giunta, da nove a cinque.

E proprio in vista del prossimo rinnovo del consiglio camerale i vertici dell’ente hanno guardato oltre organizzando un incontro illustrativo non solo sulle procedure tecniche ma soprattutto sul ruolo centrale che riveste e continuerà a rivestire la Camera di Commercio. Una riunione presieduta dal segretario generale Pietro Esposito -cui hanno preso parte anche il presidente della Camera di Commercio, Gavino Sini e il funzionario di Unioncamere, Pierluigi Sodini- insieme alle associazioni di categoria che rappresentano le imprese che operano sul territorio, ai sindacati e agli ordini professionali. Cambieranno i numeri, si, ma non le azioni a sostegno di chi fa impresa.

“La nostra Camera di Commercio è più che mai presente e continua ad essere attiva e propositiva con progetti e iniziative al fianco delle imprese -tiene a sottolineare il segretario generale dell’ente, Pietro Esposito- la nuova riforma, che porta di fatto alcuni cambiamenti, rafforza al tempo stesso la presenza camerale, dislocata nelle sedi di Sassari e Olbia, in numerosi ambiti strategici per tutto il nord Sardegna.”

La riforma, varata a suo tempo dal governo Renzi, che ha ridotto da un lato la composizione degli organi come consiglio e giunta camerale, dall’altro ha ampliato le competenze operative della Camera di Commercio in altri ambiti come i percorsi di alternanza scuola-lavoro che ha consentito di coinvolgere numerosi istituti, allievi e imprese del nord Sardegna, la promozione delle eccellenze locali legate al turismo, alla cultura e alla filiera dell’agroalimentare.

Oltre alle tradizionali competenze relative al registro imprese, alla formazione imprenditoriale, al sostegno all’innovazione a beneficio di tutte le aziende che operano sul territorio del nord Sardegna compreso tra Sassarese e Gallura. Un territorio che può contare su 67.771 aziende iscritte, tra sedi principali e unità locali che occupano 113.272 addetti.

“Per una camera di Commercio dinamica, sempre al passo con le esigenze delle imprese – conclude Esposito – che possono accedere a strumenti e contare sul nostro sostegno per accrescere i propri livelli di competitività su mercato nel quale si è più forti se si agisce in un’ottica di sistema. L’ente camerale rappresenta questo sistema, quello delle imprese, appunto, ed ogni azione è finalizzata a rafforzarlo.”

Più informazioni su