Sassari. bimba registrata all’anagrafe come figlia di due madri

Popolo della Famiglia Sardegna: “Operazione ideologica creata per sdoganare l’ utero in affitto”

Il Popolo della Famiglia Sardegna interviene sulla notizia apparsa nei giorni scorsi sui media, riguardante la registrazione all’anagrafe di Sassari di una bimba con due madri.

Anche in questo caso, come già avvenuto in altre regioni d’Italia, i veri discriminati sono i bambini privati di un padre, ed una città, Sassari, che sta subendo un vero e proprio assedio morale e valoriale.

Il tentativo in atto è quello di far passare come normale il pensiero che i figli nascono da due mamme o da due papà e sono fratelli perché due donne si sono unite civilmente.

L’usualità di simili procedure è ideologica e fatta con l’intento, subdolo e pericoloso, di aprire le porte alla normalizzazione di una pratica disumana, l’utero in affitto, in Italia vietata per legge ( Legge 40/2004, articolo 12, comma 6).

Vogliamo sperare che alle imminenti elezioni comunali del 16 giugno, i cittadini sassaresi sappiano scegliere dei partiti che portano avanti battaglie a difesa della famiglia e dei bambini in primis.