L’Europa guarda a Oriente e il Papa fa appello alle religioni per la conversione dei cuori

Le parole del Santo Padre in un periodo tanto delicato per l'umanità.

Più informazioni su

Il mondo sta cambiando velocemente. Le differenti politiche commerciali stanno sollevando conflitti e nuovi equilibri. Sembra evidente che l’alleanza atlantica, la guerra fredda, l’ostracismo contro Paesi come la Cina e la Russia sono ormai superati dalla storia. L’Europa, pressata dagli Stati Uniti che minacciano dazi commerciali su auto e prodotti agricoli, sta spostando la sua attenzione verso l’Asia e l’Africa. In questo contesto, Papa Francesco propone un’alleanza tra le religioni per promuovere un modello economico più equo, centrato sul benessere integrale delle persone e del pianeta.

Un numero crescente di analisti di geopolitica ritiene che la scelta statunitense di alzare i dazi e minacciare guerre commerciali sia contraria agli interessi degli U.S.A., sia perché fa crescere il livello di deficit interno, sia perché i tradizionali alleati come l’Europa si vedono costretti a spostarsi verso altri mercati. Come sostenuto anche dal prof. Fabio Massimo Parenti e dall’Eurispes, «l’Europa dovrebbe essere allo stesso tempo “atlantista” ed “eurasiatica”, diventando un centro di equilibrio geopolitico», ma se gli Stati Uniti non cambieranno approccio, sembra evidente che l’Europa sposterà i suoi interessi commerciali e strategici verso l’Oriente, in particolare verso Cina, India, Corea e Vietnam. In questo ambito, durante l’incontro con i partecipanti alla conferenza sul tema “Religioni e gli obiettivi di sviluppo sostenibile” (Roma, 8 marzo 2019), Papa Francesco ha spiegato che lo sviluppo è un concetto complesso, spesso strumentalizzato, ridotto e limitato alla sola crescita materiale. Mentre – ha affermato – «le religioni possono aiutarci a camminare sulla via di un reale sviluppo integrale, che è il nuovo nome della pace».

Dopo aver sostenuto gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite – e cioè le cinque “P”: Persone, Pianeta, Prosperità, Pace, Partnership – il Santo Padre ha auspicato proposte concrete per facilitare lo sviluppo di chi è nel bisogno, avvalendosi di quella che Papa Benedetto XVI ha ravvisato come «la possibilità di una grande ridistribuzione della ricchezza a livello planetario» come in precedenza non era mai avvenuto.

«Politiche economiche – ha continuato – incentrate sulla persona e che possano promuovere un mercato e una società più umani. Impegni etici, civili e politici concreti per svilupparsi al fianco della nostra sorella terra, e non malgrado essa». In conclusione, tenendo conto che per i cristiani è tempo di Quaresima, Papa Francesco ha chiesto una conversione dei cuori sostenendo che «l’ingiustizia che fa piangere la terra e i poveri non è invincibile».

Più informazioni su