Cagliari, espulso e poi tornato illegalmente

Polizia di Stato di Cagliari: espulso nel 2021 rientra in Italia prima dei tre anni. Arrestato dalla Squadra Mobile

In relazione agli ultimi sbarchi di immigrati clandestini che hanno interessato le coste del sud Sardegna,  nella giornata odierna la Squadra Mobile della Questura, unitamente alla Stazione Navale della Guardia di Finanza di Cagliari, ha tratto in arresto un cittadino algerino di anni 35, poiché respinto dal territorio nazionale nel 2021 e rientrato illegalmente in Italia prima del previsto periodo di autorizzazione al reingresso (tre anni).

Nell’ambito di un’attività di pattugliamento tesa al contrasto del fenomeno dell’immigrazione clandestina diretta verso le coste nazionali, l’assetto navale G 208 della Guardia di Finanza ha individuato, al largo dell’isola del Toro, un barchino con a bordo 15 migranti di origine algerina diretto verso le coste sud-occidentali della Sardegna. I migranti, una volta sbarcati a Sant’Antioco sono stati condotti presso il Centro di Accoglienza di Monastir, dove al termine delle procedure di identificazione svolte dall’Ufficio Immigrazione, che si è avvalsa della Polizia Scientifica per il foto-segnalamento e i rilievi dattiloscopici, è stata riscontrata la violazione prevista  e punita dal testo unico sull’immigrazione nei confronti di uno di essi (art. 10 del D.Lgs 286/98).

L’arresto dello straniero è stato convalidato dal locale Tribunale ed al termine del giudizio direttissimo lo straniero verrà nuovamente espulso.

advertisement