A Oristano il film “Non è ancora domani (La Pivellina)”

A Oristano il film

XXIV Dromos Festival: Domani sera a Oristano il film “Non è ancora domani (La Pivellina)”. Rinviato il concerto di Francesco Piu in programma sabato a Ortueri.

Secondo film in visione, domani a Oristano per la mini rassegna di cinema all’interno del festival Dromosalle 21 nel Giardino dell’UNLA si proietta “Non è ancora domani (La Pivellina)”.

Rinviato invece a data da destinarsi il concerto di Francesco Piu
in programma sabato a Ortueri.

Secondo film in visione, domani (venerdì 29) a Oristano, per “Saltimbanchi, illusionisti e giocolieri della vita“, la mini rassegna cinematografica in tre serate proposta all’interno del ventiquattresimo festival Dromos in collaborazione con il Centro Servizi Culturali UNLA. Dopo “Pa-ra-da, il film di Marco Pontecorvo che martedì ha inaugurato la serie di proiezioni, è ora il turno di Non è ancora domani (La Pivellina), al centro dello schermo nel Giardino dell’UNLA in via Carpaccio, a partire dalle 21 con ingresso gratuito. La trama del film, diretto nel 2009 da Tizza Covi e Rainer Frimmel, ruota intorno al caso di una bambina di due anni, Asia, abbandonata dalla madre in un parco e trovata per caso da una donna del circo, Patti, che vive col marito in una roulotte alla periferia di Roma. La piccola ha addosso un biglietto in cui la mamma ha scritto di prendersi cura di lei e che tornerà a riprenderla. Patti accoglie Asia nella sua roulotte, e così la bambina conosce la piccola comunità di circensi, uno spazio modesto e precario, ma ricco di relazioni, di umanità e di tolleranza.

advertisement

La breve rassegna cinematografica si chiude martedì (2 agosto) con “L’illusionista, diretto da Sylvain Chomet e basato su una sceneggiatura inedita del grande mimo Jacques Tati: un film di animazione del 2010 che ha per protagonista un illusionista, appunto. Disoccupato, da Parigi fa le valigie e si trasferisce a Londra, ma i suoi numeri, con il diffondersi di nuove forme di spettacoli, non sono più in grado di catturare il pubblico. Approda in Scozia, dove incontra una ragazza, Alice, che crede che i suoi trucchi siano realtà, ma l’illusionista non ha il coraggio di farle sparire il mondo di illusioni in cui è immersa.

Il cartellone di Dromos registra intanto un cambio di programma: per problemi tecnici, il concerto del cantante e chitarrista blues Francesco Piu in programma sabato 30 luglio a Ortueri è rinviato a data da destinarsi. Il prossimo appuntamento del festival è dunque domenica 31 con una densa giornata di musica a Bauladu (OR) proposta in collaborazione con il Comune, la Consulta Giovani di Bauladu e il ‘Du – Bauladu Music Festival: protagonisti il chitarrista Giorgio Crobu, impegnato in mattinata, alle 10, in una masterclass al Centro Civico Culturale, e poi, alle 19.30 in concerto col suo trio nel’area parco Tzinnuri; quindi, in serata, riflettori puntati alle 22 all’Anfiteatro Comunale su Daniela Pes, la cantante e autrice di Tempio Pausania, vincitrice del Premio Parodi nel 2017, che aprirà il concerto di uno dei protagonisti più attesi di questa edizione di Dromos, Iosonouncane, di scena a Bauladu per l’unica tappa sarda del suo tour estivo. I biglietti, a 25 euro (più diritti di prevendita) si possono acquistare sul sito del festival Dromos.

Per informazioni, la segreteria di Dromos risponde al numero di telefono 0783310490, al numero whatsapp 3348022237 e all’indirizzo di posta elettronica info@dromosfestival.it. Notizie e aggiornamenti anche sul canale Telegram e nelle pagine Facebook e Instagram di Dromos.

La ventiquattresima edizione del festival Dromos è organizzata con il contributo del MiC – Ministero della Cultura, dell’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport e dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Autonoma della Sardegna, della Fondazione di Sardegna, del Banco di Sardegna, delle Amministrazioni Comunali di Bauladu, Cabras, Fordongianus, Morgongiori, Neoneli, Oristano e Villa Verde, della Fondazione Mont’e Prama, della Fondazione Oristano, della Ros’e Mari Farm & Green House, dell’Associazione culturale Viva Mandrolisai, della Cantina Bingiateris di Ortueri, della Sanycar, di Lai Automobili, della M/U Mariantonia Urru e del Temple Wine Bar, con la collaborazione della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Cagliari e le province di Oristano e Sud Sardegna, del Centro Servizi Culturali U.N.L.A. di Oristano, della Music Academy Isili, della soc. coop. Mariposas de Sardinia, del tour operator ViaggieMiraggi, di Radio Popolare, dell’Arcidiocesi di Oristano, della Fondazione Italiana Sommelier, del Consorzio di tutela dei Vini del Mandrolisai, della Consulta Giovani di Bauladu, dell’Hotel Mistral2 di Oristano, dell’Ottica Erdas, di Sa Pasida, del CRAI Sardegna e Cuore dell’Isola, del Festival Licanìas di Neoneli, del ‘DU Bauladu Music Festival di Bauladu, del Terme Romane Festival di Fordongianus, di Instagramers Sardegna, e delle reti Sardinia Jazz Network – SJN, Jazz Italian Platform – JIP e Best Event Sardinia – BES.