Serie A, 37° turno: statistiche, curiosità e probabili formazioni di Cagliari – Inter

Serie A,
Fonte foto: gazzetta.it

Sfida bollente alle 20.45 alla Unipol Domus (e non solo per le temperature estive di Cagliari): entrambe le compagini scendono in campo con l’obiettivo di risultare vincitrici dopo il triplice fischio di Doveri (al VAR Di Bello). I padroni di casa (a quota 29 in graduatoria) distano due lunghezze dalla zona salvezza: un successo consentirebbe di scavalcare la Salernitana e di tornare padroni del proprio destino; un capitombolo ridurrebbe al lumicino le speranze di partecipare alla prossima Serie A. I nerazzurri possono solo vincere se desiderano rimanere nella scia del Milan fino all’ultimo metro della corsa scudetto

LO SAPEVI CHE?

Negli unici due precedenti avvenuti dopo la 37esima giornata, il Cagliari è rimasto sempre imbattuto contro l’Inter (pareggio per 2-2 nel 2006 e successo per 2-1 nel 2009). I rossoblù in questa stagione hanno vinto solo tre gare davanti al proprio pubblico, come nel 1999/00 (peggior dato della storia): in quel caso retrocedettero in cadetteria.

L’ Inter è reduce dalla trionfale finale di Roma: nelle 13 precedenti gare di Serie A disputate immediatamente dopo un turno di Coppa Italia, ha inanellato sette successi, cinque X e una sconfitta. La Beneamata ha lasciato il segno nella porta avversaria – in media – una volta ogni 325 palloni giocati: è il dato più basso tra le 20 del torneo.

Sette delle ultime 14 marcature casalinghe del Cagliari sono stati messi a segno da João Pedro: dovrà tenerne conto l’estremo difensore avversario Handanovic che, in 16 stagioni di Serie A, ha finora incassato 599 gol: qualora dovesse raccogliere almeno una palla in rete, taglierebbe il traguardo di quota 600 (nell’era dei tre punti a vittoria – dal 1994/1995 – solo Consigli ne ha subiti di più, precisamente 627).

advertisement
I PRECEDENTI

La prima trasferta nerazzurra in terra sarda – in gare ufficiali – è datata 25 ottobre 1964 (anno d’esordio dei rossoblù In Serie A (finì 0-2 con segnature di Mazzola e Jair). Nel computo totale degli incontri fuori casa (tra massimo campionato, Coppa Italia e Coppa Uefa) prevalgono i pareggi (21); i nerazzurri sono la compagine contro cui il Cagliari ha registrato più volte il segno X in incontri casalinghi di Serie A (18). Le sfide del 7 aprile 2012, del 29 settembre 2013 e del 14 aprile 2013, complice l’inagibilità dell’allora Stadio Sant’Elia, furono disputate al Nereo Rocco di Trieste: in tutte e tre le occasioni l’Inter non ha mai vinto.

SCONTRI DIRETTI A CAGLIARI/TRIESTE (SERIE A, COPPA ITALIA, COPPA UEFA)

46 incontri disputati
8 vittorie Cagliari
21 pareggi
17 vittorie Inter
49 gol fatti Cagliari
69 gol fatti Inter

PROBABILI FORMAZIONI

Agostini, alla seconda da tecnico degli isolani, conferma l’undici visto a Salerno: Cragno presiederà lo specchio della porta e sarà protetto dalla linea “a tre” composta da Ceppitelli, Lovato e Altare. Nel reparto nevralgico del campo, spazio sulle fasce a Bellanova e Lykogiannis; Deiola, Grassi e Rog al centro. In avanti il tandem Joao Pedro-Pavoletti si caricherà sulle spalle la croce e le speranze isolane.

Cagliari (3-5-2): Cragno; Ceppitelli, Lovato, Altare; Bellanova, Marin, Grassi, Rog, Dalbert; Joao Pedro, Pavoletti. All.: Agostini

Il successo in Coppa Italia non distrarrà la compagine meneghina, desiderosa di conquistare il 20° tricolore della storia. Inzaghi propone la cerniera difensiva Bastoni-de Vrij-Skriniar; Darmian e Perisic agiranno rispettivamente a destra e a sinistra. A metà campo detterà i tempi di gioco il trio formato da Calhanoglu, Barella e Brozovic. In attacco, nel momento in cui scriviamo, Correa sembra in vantaggio su Dzeko per affiancare il connazionale Lautaro.

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, A. Bastoni; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; J. Correa, L. Martinez. All.: S. Inzaghi

 

Per scoprire statistiche, curiosità e probabili formazioni degli altri match di Serie A del 37° turno, clicca qui

Se desideri rimanere aggiornato istante per istante sul match, clicca qui

Articolo a cura di Paolo A.G. Pinna