Visioni Sarde porta gli esordienti del cinema isolano nel Mondo

L’ottava edizione di Visioni sarde partirà in tour dalla Turchia a conferma della sua vocazione internazionale. Venerdì 18 febbraio la rassegna sarà trasmessa in streaming  sul canale YouTube dell’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul.

Nata nel 2014 con l’obiettivo di dare spazio e visibilità agli autori sardi Visioni sarde  è cresciuta anno dopo anno imponendosi, anche oltre confine, come un’importante vetrina del nostro cinema.

Il successo di Visioni sarde è dovuto alla qualità dei film proposti dal collettivo Mira (Il Pasquino), Davide Melis (Il volo di Aquilino), Carlo Licheri (L’ultima habanera), Paola Cireddu (L’uomo del mercato), Alice Murgia (Margherita), Sergio Scavio ( Marina, Marina!) Naked Panda (Di notte c’erano le stelle) e Roberto Achenza (Un piano perfetto) che con diverse declinazioni stilistiche, propongono voci e immagini che superano i confini dell’isola per rivolgersi ad altre realtà e culture. A conferma del famoso detto di Tolstoj  “racconta il tuo paese e sarai universale”.

L’UOMO DEL MERCATO – Ph Giulia Camba
Frame tratto da L’ULTIMA HABANERA

Visioni Italiane e la Cineteca di Bologna.

Visioni sarde  ha il privilegio di muoversi all’interno dello storico Festival Visioni Italiane della Fondazione Cineteca di Bologna  che da 28 anni ospita gli esordi dei più sensibili autori ed autrici contemporanei offrendo loro una vetrina di assoluto prestigio. Alle spalle si muove una complessa organizzazione resa possibile dalla assistenza creativa e tecnica della Cineteca di Bologna e dal determinante supporto fornito dalla Fondazione Sardegna Film Commission della Regione Autonoma della Sardegna, insieme al ruolo fondamentale  della FASI e dei dieci circoli dei sardi che hanno reso possibile nel 2021 lo svolgimento del Festival presso il cinema Lumière di Bologna. All’associazione bolognese “Visioni da Ichnussa” è stato, infine, affidato il compito di curare la fase distributiva della rassegna in Italia e all’estero.

advertisement

Ai tanti che in Italia e all’estero torneranno nelle sale cinematografiche, non ci  rimane che augurare una buona visione con i film made in Sardegna