Il 6 ottobre 2021 i rappresentanti dei familiari delle vittime,  Angelo e Luchino Chessa, per l’associazione 10 Aprile-Familiari  Vittime Moby Prince Onlus e Nicola Rosetti per l’associazione 140  Familiari Vittime Moby Prince, sono stati auditi in Commissione parlamentare di inchiesta sulle cause del disastro del Moby Prince.

E’  stato un momento intenso e toccante, ma anche una occasione per i familiari delle vittime di esprimere pubblicamente gli aspetti poco chiari del passato, tra cui le azioni di manomissione, di omissione e di depistaggi che si sono protratti per anni. Ma non solo:  il lavoro poco consono dei magistrati, tra cui quello del Presidente del collegio giudicante del primo processo sul Moby Prince, condannato per corruzione in atti giudiziari anni dopo, le stranezze della petroliera Agip Abruzzo, riguardo alla posizione in rada, al carico che trasportava, al tragitto fatto prima del 10 aprile 1991, le stranezze  della compagnia del traghetto, la NAVARMA, come la stipula di una  assicurazione contro danni di guerra pochi mesi prima della strage, un  mozzo dell’elica da cambiare,  il fatto che vari dipendenti della compagnia sapevano una decina di minuti e poco più che il Moby Prince  era la nave che era entrata in collisione: ma non solo… tutta  l’azione scoordinata della capitaneria di porto di Livorno. Ma non  solo, l’azione evidente di dolo nel non soccorrere i passeggeri ed i membri dell’equipaggio del Moby Prince, la maggior parte radunati con  giubbotti salvagente, valige, telecamere, cani, in attesa di soccorsi mai arrivati.

advertisement

Dolo perché dopo aver recuperato il mozzo Alessio Bertrand gli ormeggiatori avevano riferito tramite il canale16 che che il mozzo aveva detto che c’erano persone vive da  recuperare. Ebbene tempo una decina di minuti avevano riferito che il mozzo aveva detto che erano tutti morti bruciati……senza sapere che  il canale 16 quel giorno veniva registrato per la prima volta in via  sperimentale.

E tante, e tante altre cose che ci fanno capire che  nulla si doveva fare per salvare 140 persone, morte dopo ore, non minuti, e che si doveva costruire una verità di comodo. Forse il tempo  per i tanti personaggi che hanno intorbidito le acque di questa vicenda è finita. La nostra speranza è che si arrivi almeno ad una  verità storica appagante, che possa mettere una parola fine alle  nostre sofferenze di trent’anni.

Grazie al Presidente Andrea Romano,  grazie a tutti i Commissari che ieri ci hanno ascoltato con attenzione  e commozione e che ci hanno fatto tante domande. Noi familiari delle vittime siamo al loro fianco come guida, come sprone, come semplici  cittadini che vogliono che finalmente si giunga alla verità, a qualunque costo.

Luchino Chessa, presidente Associazione 10 Aprile Familiari Vittime  Moby Prince Onlus.
Nicola Rosetti, presidente Associazione 140 Familiari Vittime Moby Prince.

https://webtv.camera.it/evento/19059


Luchino Chessa, MD
Epatologia
Policlinico Universitario Duilio Casula, AOU di Cagliari
S.S. 554 09042 Monserrato (CA)

Docente di Medicina Interna
Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica
Università degli Studi di Cagliari
Studio n.38, piano 0, Asse Didattico di Medicina,
Cittadella Universitaria
S.S. 554 09042 Monserrato (CA)