No alla abrogazione del Dipartimento di Psicologia di cure primarie.

L'ordine degli psicologi chiede che non venga abolito il dipartimento di psicologia di cure primarie

No alla abrogazione del Dipartimento di  Psicologia delle Cure Primarie. A rischio il diritto alla salute psicologica per  tutti!

Forte preoccupazione per  il parere favorevole in Commissione Sanità del Consiglio Regionale all’abrogazione del Dipartimento di Psicologia delle Cure Primarie. Angela Quaquero: grave lesione al diritto alla salute psicologica per  tutti.

Forte preoccupazione è stata espressa dall’Ordine delle Psicologhe e degli Psicologi della Sardegna per il parere espresso dalla   Commissione Sanità del Consiglio Regionale, la VI,  favorevole alla labrogazione del Dipartimento di Psicologia delle Cure Primarie, DPCP, che era stato introdotto  con la L.R. 24/20, il Piano dei Servizi Sanitari.

 Un parere, assunto con voto di maggioranza e con il voto contrario della minoranza, che rappresenta un grave passo indietro e che contrasta in modo incomprensibile con quanto già legiferato a livello  nazionale dal Parlamento e sperimentato in altre regioni, ma che è in contraddizione  con la stessa Regione sarda, che in merito si è già espressa con delibera della Giunta Regionale 36/47 del 31 agosto scorso, istituendo i DPCP. A breve, del resto, si attende la pubblicazione del Piano Nazionale dell’Assistenza territoriale, fra l’altro prevede l’Assistenza Psicologica delle Cure Primarie.

“La istituzione, anche in forma sperimentale, del Dipartimento di Psicologia delle Cure Primarie- ha dichiarato Angela Quaquero, presidente dell’Ordine delle Psicologhe e degli Psicologi della Sardegna – risponde ad un bisogno di salute della popolazione e va ad arricchire l’offerta delle cure territoriali, soprattutto a favore delle persone più fragili: il DPCP  va ad integrarsi nelle attività di tutela della salute, che già mettono in atto i Medici di Medicina Generale e i Pediatri di Libera Scelta, oltre che i servizi di cure primarie e di cure domiciliari distrettuali.

advertisement

La mancata attuazione del Dipartimento priverebbe larga parte della popolazione di un importante componente del diritto alla salute”.

C’è poi un aspetto di grande importanza, in quanto tutti gli studi fatti in materia confermano unanimemente che si realizza un forte risparmio della spesa pubblica, quando si investe sulla salute psicologica. Suscita inoltre perplessità il fatto che la decisione sia stata assunta dalla VI Commissione senza  che siano stati auditi i rappresentanti dell’Ordine degli Psicologi,  a differenza dei rappresentanti di altre professioni saniterie, che invece sono stati auditi.

“Non si può tornare indietro rispetto a quanto previsto dalla stessa Giunta Regionale – ha sottolineato Angela Quaquero- perchè sarebbe una grave lesione al diritto alla salute psicologica, a livello diffuso su tutto il territorio regionale: si tratta di un fatto di particolare rilevanza soprattutto nello scenario creato, ormai da due anni, dall’emergenza sanitaria”.