Un Sardegna Arena gremito di gente, seppur con i vincoli del Covid-19, per la presentazione ufficiale dell’ex difensore di Inter ed Atletico Madrid Diego Godin. Una conferenza stampa attesa dai tifosi che non vedono l’ora di vederlo in campo.

Una trattativa che sembra impossibile alla fine si è concretizzata. Diego Godin è ufficialmente un giocatore del Cagliari Calcio a titolo definitivo, grazie all’accordo tra i due club. Nel corso della conferenza stampa l’uruguaiano, invece, parla diversamente della trattativa.

E’ stata una scelta che ho preso fin dall’inizio, quando ho parlato con il presidente e con i compagni che conosco come Nandez, il quale mi scriveva tutti i giorni – ha confessato a Sky Sport a fine stagione scorsa ho dimostrato di stare bene, ho ricevuto tante offerte ma ho parlato con il presidente Giulini e ho preso la mia decisione”.

advertisement

Logicamente non si poteva non parlare di un suo ex compagno di squadra, anch’esso vicino al ritorno in Sardegna: Nainggolan.

“Gli ho mandato tanti messaggi. Cosa mi ha risposto? Tanto lo sapete – ha scherzato – vuole tornare? Eh, può essere. E’ un grandissimo giocatore, qui lo vogliono tutti, è l’idolo del club. Ama Cagliari e la città, anche in Spagna si dice che non c’è due senza tre. Ma ora è dell’Inter e bisogna rispettare questo aspetto”. 

Il sogno di Diego Godin? Partecipare ai prossimi mondiali

“Cagliari mi ha dato fiducia, facendomi sentire importante. Il sogno è di essere presente ai prossimi Mondiali con la maglia della mia Nazionale, giocare qui può aiutarmi a realizzarlo. Gli impegni con la Celeste? Sono abituato ad affrontare impegni internazionali, viaggiando anche da un continente all’altro, non credo risentirò della fatica”.