Copagri. DL rilancio, in attesa delle semplificazioni, segnali importanti a favore dell’agroalimentare

COPAGRI sugli ettari incolti

Copagri.Verrascina,” bene lavoro Montecitorio che ha accolto molte nostre proposte, ma sul credito serve di più”

“Con il ‘DL Rilancio’ vengono messe in campo una serie di importanti misure a beneficio dell’intero comparto agroalimentare del Paese, messo a dura prova dall’emergenza Coronavirus; nel testo approvato oggi dall’aula di Montecitorio,

migliorato rispetto alla proposta iniziale, trovano spazio molte proposte avanzate dalla Confederazione per dare ristoro ai produttori”.

Lo afferma il presidente della Copagri Franco Verrascina, dopo l’approvazione alla Camera del ddl di conversione del DL con misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia,

nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, cosiddetto ‘DL Rilancio’, che dovrà ora passare il vaglio del Senato per il via libera definitivo, prima della scadenza del 18 luglio.

“L’esonero straordinario dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a carico dei datori di lavoro di alcune filiere agricole,

tra le quali quelle agrituristiche e florovivaistiche, che risultano tra le più colpite dall’emergenza COVID-19,

così come l’istituzione del Fondo emergenziale per le filiere in crisi con una dotazione di 90 milioni di euro per il 2020 sono misure certamente condivisibili,

che garantiranno una boccata d’ossigeno ai tanti produttori agricoli danneggiati dalla chiusura del canale HoReCa e dal blocco dell’export durante la fase di lockdown”, evidenzia Verrascina.

” Particolarmente rilevante è poi l’intervento sul versante della liquidità e del credito agricolo, per favorire il quale il testo reca il trasferimento all’ISMEA di 30 milioni di euro per il 2020 destinati alla concessione di prestiti cambiari a tasso zero in favore del settore agricolo;

pur apprezzando la ratio di tale necessaria misura, la riteniamo ancora insufficiente a soddisfare le reali esigenze di credito del comparto primario”, commenta il presidente.

“Tra i numerosi altri interventi contenuti nel testo, citiamo l’istituzione del Sistema di certificazione della sostenibilità della filiera vitivinicola,

il contributo a fondo perduto per il finanziamento di processi produttivi innovativi e l’incremento del Fondo di solidarietà nazionale

per gli interventi indennizzatori a tutela delle filiere in crisi per le gelate accorse tra il 24 marzo e il 3 aprile 2020”, aggiunge Verrascina.

“In attesa di conoscere i contenuti del cosiddetto ‘DL Semplificazioni’ e delle annunciate misure relative all’erogazioni dei contributi pubblici nel settore dell’agricoltura,

portando avanti il sempre più necessario lavoro per slegare il primario dai numerosi lacci e lacciuoli che ne impediscono e rallentano la ripresa,

diventa ora fondamentale accelerare il più possibile con l’emanazione dei numerosi decreti attuativi previsti dal ‘DL Rilancio’”, conclude il presidente della Copagri.

Copagri