Cagliari. MEETropolitan35: mercoledì 18 dicembre si chiude con una maratona di appuntamenti

MEETropolitan35 giunge al rush finale. Il nuovo format creato da Proahiresis, che intende promuovere la cultura passando attraverso la voce dei giovani, le eccellenze under 35 che, in Italia e nel mondo, hanno detto o fatto qualcosa di eclatante, si chiude a Cagliari mercoledi 18 dicembre con una lunga maratona di appuntamenti.

Si parte la mattina, alle 11.30, ospite d’eccezione Guido Guerzoni, protagonista alla Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche di viale S.Ignazio del workshop Il valore economico del media coverage dei grandi eventi culturali: il caso dei festival. Guerzoni è docente alla Bocconi di Milano, dove è responsabile del corso di Museum Management nella laurea specialistica in Economics and Management in Arts, Culture, Media and Entertainment. È membro del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici del Mibact, autore di numerosissime pubblicazioni e collaboratore della Rai e del Sole 24 Ore. Coordinano l’incontro e discutono con lui Alessandro Lovari (Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali) e Giuseppe Melis (Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali).

Nel pomeriggio si torna nella consueta location, al Teatro Massimo (sala M2), che ospita due rappresentanti della new generation under 35. Alle 16 a salire sul palco sarà la scrittrice Viola Di Grado, classe 1987, nel 2011 la più giovane vincitrice del Premio Campiello Opera Prima e la più giovane finalista del Premio Strega con il suo romanzo d’esordio “Settanta Acrilico Trenta Lana”. Ha vissuto a Kyoto, Leeds e Londra, dove si è laureata in Filosofie dell’Asia Orientale, i suoi libri sono tradotti in undici Paesi. Nell’incontro Alienità, partendo dal suo ultimo libro “Fuoco al cielo”, rifletterà su come la società annienta, rimuove, perseguita ciò che non riesce a classificare, e su come persino le parole che pronunciamo limitano il nostro sguardo sul difforme. Alieno è ciò che il linguaggio, le convenzioni, la cultura di massa relega a una scatola angusta, sigillata, che solo la letteratura può aprire e scoprire nella sua complessità.

Alle 17 sotto i riflettori il giovane public relation man Valentino Magliaro, per La scuola e l’impresa per attivare il valore sociale. Nel 2017 proprio il suo impegno nelle scuole è stato premiato da Barack Obama, che lo ha invitato, tra i 300 Civic Leaders nel mondo, al primo meeting della Obama Foundation a Chicago. Magliaro è stato scelto quest’anno da Forbes Italia tra i 100 leader italiani under 30 nella categoria imprenditori sociali. Nato nel 1992, fa parte della Commissione Ambiente e Innovazione della Federazione Italiana Diritti Umani e da sempre è impegnato in progetti educativi, come quello con Ferrero per Expo 2015 a Milano. Dopo l’esperienza come responsabile delle pubbliche relazioni del Gruppo Spaggiari Parma, leader nel mondo dell’educazione, ha fondato Humans to Humans (HtoH), società di Corporate Activism che propone alle imprese progetti per la crescita del business con al centro la sostenibilità della persona e del pianeta e accompagna le organizzazioni nel costruire il proprio patrimonio di reputazione con gli stakeholders.

#MU35 mette i sigilli a questa prima edizione e per l’occasione anche la rassegna “Finzioni, incontri remoti con l’Autore”, di solito ospitata nella sala conferenze della Biblioteca Metropolitana “Emilio Lussu” del Parco di Monte Claro, si chiuderà, sempre mercoledì 18, al Teatro Massimo (sala M2).

Dopo i due momenti di MEETropolitan35, alle 18 arriverà in collegamento “remoto”, appunto, Marco Missiroli, scrittore di consolidato spessore (i suoi libri sono stati tradotti in numerosi Paesi) che con il suo romanzo d’esordio “Senza coda” vinse anch’egli, sei anni prima della Di Grado, nel 2005, il Premio Campiello Opera Prima. Missiroli, riminese ma milanese d’adozione, con “Il senso dell’elefante” si è aggiudicato nel 2012 il Premio Selezione Campiello e con il bestseller “Atti osceni in luogo privato” (Feltrinelli, 2015) ha vinto il Premio Super Mondello. Per Einaudi ha pubblicato quest’anno il romanzo “Fedeltà”. E L’epoca degli infedeli è il titolo dell’incontro di cui sarà protagonista, grazie al sistema del webinar (fusione dei termini web e seminar), che consente a tutti gli interessati di partecipare e interagire con l’autore iscrivendosi alla diretta streaming.

Con il ricorso alla tecnologia si possono anche avere i libri firmati in tempo reale dall’autore.

La diretta streaming degli incontri viene trasmessa su www.meetropolitan35.com.