Lettere al direttore

Associazione DOMOS: le puntualizzazioni del Presidente Giorgio Cau

Nostro malgrado, l'Associazione DOMOS si trova al centro di una diatriba politica che non ci riguarda e nella quale mai ci saremmo voluti trovare.

DOMOS, al contrario di quanto narrato, è la casa di tutti, tutti quelli che vogliono, che sono in regola e che hanno minimi requisiti qualitativi e professionali per iscriversi senza guardare minimamente agli orientamenti politici.

DOMOS ha collaborato dalla sua nascita (nel 2010) con tutte le amministrazioni comunali, dall’amministrazione Tedde a quella Lubrano fino ad arrivare a quella di Bruno con tutta una serie di incontri, iniziative e proposte, confrontandosi nel tempo con gli assessori Conoci, Lampis, Piras ed Esposito.

Non vogliamo essere lunghi ma ricordiamo l’incontro formativo del 31 marzo 2015, tenutosi nei locali di Piazza Porta Terra, dove presenziarono l’allora assessore Gabriella Esposito; l’incontro formativo del 27 febbraio 2019 tenutosi presso il Polisoccorso di via Liguria con una sala colma di persone.

Lo stesso progetto SIO, creato dall’amministrazione Bruno con l’assessore Ornella Piras, nasce da una nostra proposta di sollecitazione alla lotta all’abusivismo su cui ci siamo confrontati in diverse occasioni.

Il SIO Alghero Family, realizzato dall’Assessorato allo sviluppo economico del Comune di Alghero e l’Ufficio alle Politiche Familiari, a inizio anno, hanno chiesto la collaborazione di alcuni nostri associati per la stesura del disciplinare per le strutture extra-alberghiere.

Questo solo per citare alcune delle molteplici azioni che oggi consentono alla nostra associazione di essere nel nord Sardegna la più importante associazione dell’extralberghiero.

Ci meraviglia apprendere che ex amministratori e attuali consiglieri considerino insignificante e poco conosciuta un’associazione con cui negli anni hanno avuto diversi incontri e collaborazioni con organizzazioni private e pubbliche e che oggi vanta 65 strutture associate!

DOMOS si è sempre mobilitata per promuovere il territorio e, con le sue iniziative (tra cui l’importante iniziativa per la Tutela delle Spiagge), ha spesso colmato un vuoto informativo fornendo gratuitamente assistenza e aggiornamento ai propri associati e non, a supporto del settore pubblico, contribuendo alla promozione del territorio e della città.

DOMOS ha partecipato al bando “Salude & Trigu”della Camera di Commercio come partner della Fondazione Alghero e, tra i precisi impegni assunti, c’era quello di contribuire alla divulgazione degli eventi e offrire pacchetti turistici in funzione delle festività di Capodanno.

Le strutture inserite sono quelle che hanno presentato una semplice offerta per le suddette festività.

Per chiarezza, l’attuale assessore Marco di Gangi è e rimarrà tra i co-fondatori dell’associazione DOMOS (eravamo in quattordici), ma non più presidente e membro del direttivo dal 15 luglio 2019, giorno in cui si è dimesso, ma rimane comunque nostro associato e punto di riferimento autorevole e serio del comparto turistico per tutti gli operatori algheresi.

Queste le puntualizzazioni dell’associazione DOMOS da parte del suo Presidente Giorgio Cau.