Specie aliene invasive, fenomeno eccezionale nel Salento

Migliaia di pesci rossi riversati nelle campagne adiacenti ai Bacini di Ugento dopo l'ultima grande ondata di maltempo. Lo "Sportello dei Diritti": uno spettacolo preoccupante per l'ambiente

Un fenomeno che senz’altro farà discutere, non solo gli ambientalisti, quello accaduto negli scorsi giorni e manifestatosi dopo l’ultima grande ondata di maltempo che ha colpito con eccezionale intensità il Salento ed in particolare la costa jonica.

Migliaia e migliaia di pesci rossi (Carassius auratus) – come segnalatoci e documentatoci fotograficamente dal consigliere comunale Gianfranco Coppola, referente per Ugento dello “Sportello dei Diritti” – si sono riversati nelle campagne dal sistema dei Bacini di Ugento dopo che questi sono esondati a causa della mareggiata di scirocco e delle fortissime ed intense piogge. Mentre molti continuano a nuotare nelle pozze ancora non prosciugatesi, tanti, tantissimi sono morti e stanno morendo d’asfissia.

Ma il problema principale emerso a seguito di questo fenomeno eccezionale e mai documentato prima, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non è solo la triste fine cui sono destinati questi pesci rossi man mano che le ampie pozzanghere si seccheranno, è però la presenza infestante di questa specie non autoctona e perciò aliena che ha letteralmente invaso la zona umida che ricade nel Parco naturale regionale Litorale di Ugento proliferando in maniera esponenziale come è documentato dall’evento straordinario di questi giorni.

La presenza così massiccia di una specie estranea ai nostri territori, infatti, non può non indurre forte preoccupazione perchè potrebbe aver già danneggiato irreparabilmente l’equilibrio autoctono di un intero ambiente palustre. La clip è visionabile sul link di Youtube : https://youtu.be/bKKiExWPvwo