Terrore a bordo del volo Delta, passeggeri costretti all’utilizzo delle bombole d’ossigeno

Sono stati momenti di terrore quelli vissuti mercoledì dai passeggeri del volo Delta 2353, in rotta da Atlanta a Fort Lauderdale. In meno di sette minuti ha perso circa 9.000 metri di quota, passando da 12.000 a circa 3.000 metri, mentre i passeggeri terrorizzati afferravano le maschere di ossigeno. L’equipaggio continuava a diramare il messaggio “Non fatevi prendere dal panico”, ma «la cosa non ha funzionato», racconta un passeggero, Brandon Tomlinson, che era in volo con suo figlio di 1 anno e sua madre, parlando della sua esperienza con il giornalista della BuzzFeed News della sua esperienza.

«Ovviamente sono stati momenti terrificanti per i passeggeri attorno a me, molta gente respirava affannosamente, andava in iperventilazione», ha proseguito Tomlinson. “Il volo, spiega il direttore delle comunicazioni di Delta Air Lines, Anthony Black, ha dovuto effettuare uno scalo su Tampa dopo che il capitano ha identificato un possibile problema alla pressurizzazione dell’aereomobile”. Secondo quanto trapelato, l’aereo che in quel momento trasportava 139 persone si trovava a un’altezza di 39 mila piedi (circa dodicimila metri). All’improvviso sono scese le maschere di ossigeno e l’aereo ha cominciato una rapida discesa d’emergenza che nel giro di sette minuti lo ha portato alla quota di sicurezza di 10 mila piedi (3000 metri). Il capitano ha fatto scendere ancora l’aereo e puntato in direzione di Tampa, dove l’atterraggio è avvenuto regolarmente.

Naturalmente, le maschere di ossigeno erano probabilmente ancora necessarie a causa del numero di passeggeri che defecavano nei loro pantaloncini durante il calvario. L’atterraggio di emergenza è avvenuto circa 40 minuti dopo il decollo. La Delta, ricordando che nessuno è rimasto ferito e che tutto è stato compiuto in sicurezza, ha dichiarato che le mascherine per l’ossigeno sono state rilasciate e che l’aereo ha dovuto compiere una «discesa controllata».

I passeggeri, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,sono stati sbarcati e trasferiti su un altro aereo vuoto che nel frattempo Delta aveva inviato a Tampa per portare i 139 passeggeri a Fort Lauderdale. I passeggeri sono arrivati con circa quattro ore di ritardo.