Olbia: nel weekend intensa attività della Guardia Costiera nell’area protetta di Tavolara

Week end impegnativo per la Guardia Costiera di Olbia, già a partire da giovedì mattina, gli uomini della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Olbia hanno individuato e sanzionato diversi comportamenti illeciti ad opera di diportisti, bagnanti e commercianti perpetrati soprattutto nell’Area Marina Protetta di Tavolara – Capo Coda Cavallo.

I controlli messi in atto, si inseriscono nella più ampia pianificazione delle attività della Capitaneria di Porto di Olbia, così come stabilito dal Direttore marittimo, Capitano di Vascello Maurizio TROGU, con lo schieramento di pattuglie via mare e via terra che ogni giorno vengono destinate in Area Marina Protetta e non solo.

In totale si è proceduto all’elevazione di 27 verbali per un totale di 17.800 euro per violazioni dell’Ordinanza Balneare della Regione Sardegna, per inosservanza del Regolamento dell’Area Marina Protetta di Tavolara, come ad esempio l’utilizzo di moto d’acqua o l’ancoraggio in zona di riserva integrale.

Inoltre si è proceduto con serrati controlli per la repressione del noleggio e locazione abusivi di natanti e alla verifica di alcuni venditori ambulanti sulle spiagge di competenza della Capitaneria di Porto di Olbia, rilevando l’assenza delle autorizzazioni previste dal Codice della Navigazione.

Questa iniziativa consolida il rapporto di collaborazione tra la Capitaneria di Porto di Olbia e l’Area Marina Protetta di Tavolara – Capo Coda Cavallo, indirizzando le attività verso processi che coinvolgono la comunità locale alla conservazione ambientale, alla sicurezza della navigazione ed in particolare assicurando la vigilanza costante e continua sulla corretta applicazione della normativa al fine di reprimere eventuali altre attività illecite perpetrate all’interno dell’Area Marina Protetta di Tavolara – Capo Coda Cavallo.