Cagliari: il 9 maggio convegno sull’ippoterapia al Campo Rossi

Autismo, sindrome di Down, patologie conseguenti a traumi per infortuni, sclerosi multipla, sono davvero tanti i campi di applicazione dell’ippoterapia nei disturbi della sfera fisica, neuro e psicomotoria.

Gli interventi assistiti con il cavallo non sono solo un valido aiuto in una terapia personalizzata sul paziente, ma puntano all’integrazione sportiva della disabilità. Il paradressage è già diventato disciplina paralimpica e sta conquistando spazio e attenzione anche il parareining (disciplina dell’equitazione americana dove è fondamentale il lavoro di redini) e il para-attacchi.

Si terrà il 9 maggio al Campo Rossi Cavalleggeri Anac di Cagliari il Convegno nazionale sul tema “Gli interventi assistiti con il cavallo: dalla ippoterapia alla integrazione sportiva della disabilità”. Organizzano Lioness Cagliari, Fise nazionale e Fise Sardegna.

I lavori inizieranno alle 10 dopo il saluto delle autorità e si concluderanno alle 16.30.

Tra i relatori Stefano Seripa, dirigente psichiatra e medico responsabile dei progetti di Terapia Assistita con gli Animali della Asl Roma 4, e Gianluigi Giovangnoli, segretario Fise nazionale. Barbara Ardu, Alessandro Pavoni, Raffaela Monti e Alessandra Pes di San Vittorio parleranno poi delle diverse discipline negli sport paralimpici e integrati.

Nel pomeriggio, nell’area equitazione del Campo Rossi, ci sarà l’esibizione a partire dalle 15 di quattro atleti paraolimpici: Alberto Lecis, Tania Medda, Denise Rispoli e Francesca Pia D’Agostino.

Raffaela Montis, responsabile Fise Sardegna per il Dipartimento sport integrati spiega: “Il cavallo deve essere ormai visto e inteso come un mezzo integrativo tra le persone , che siano esse diversamente abili o normodotate. Basta pensare al suo utilizzo sportivo all’interno delle gare dell’equitazione paralimpica dove le differenze con le categorie dei normodotati sono ormai invisibili. In particolare nelle persone affette da sclerosi multipla rende possibile il raggiungimento di importanti risultati agonistici anche nei periodi più difficili della malattia garantendo stabilità emotiva all’interno di una malattia che tutto può essere forche “affidabile”. Sarebbe interessante valutare a livello scientifico i diversi benefici che questi meravigliosi animali portano in queste persone con sclerosi multipla”

IL PROGRAMMA

Ore 10.00 Saluti Autorità

Dott. Mario Nieddu, Assessore regionale alla Sanità

Dott. Domenico Gallus, Presidente della Commissione Sanità

della Regione Sardegna

Stefano Meloni, Presidente Comitato Regionale FISE Sardegna

Grazia Basano, Consigliere Federale,

Patrizia Mancusi Schirru, Presidente Lioness Cagliari

Ore 10:30 Inizio lavori

Ore 11.00 “Cavallo fra Riabilitazione e sport” – Stefano Seripa

Ore 11.15 “Scelta e gestione del cavallo impegnato negli IAA” – Gianluigi

Giovagnoli

Ore 11.30 “Focus sull’attività presportiva e sportiva FISE negli sport

integrati e paralimpici” – Barbara Ardu

Ore 11.45 “Il Parareining, nuova risorsa per lo sport paraequestre:

classificazioni e regolamento” – Alessandro Pavoni

Ore 12.00 Coffee break

Ore 12.15 “Here is the challenge! Un progetto FISE Sardegna e FEI

per sclerosi multipla ed equitazione’’– Raffaela Montis

Testimonianza di alcuni atleti che hanno partecipato al progetto:

Alberto Lecis, Elena Perria, Giovanna Baccanti

Ore 12.45 Il Paraendurance in Sardegna – Alessandra Pes di San Vittorio

Ore 13.00 Discussione

Ore 13.30 Chiusura lavori in sala con proiezione video

Ore 13.45: Break

POMERIGGIO

Ore 15.00 In campo: Dimostrazione in campo di 4 atleti paralimpici:

Alberto Lecis

Tania Medas

Denise Rispoli

Francesca Pia D’Agostino

Commento Pamela Sesselego

Ore 16.30 circa Chiusura lavori