A Villa Satta a Cagliari per il ciclo di open lesson IED4ALL

Nuovo appuntamento il 24 maggio a Villa Satta per il ciclo di open lesson IED4ALL che IED Cagliari dedica ai temi della sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Protagonista BR1, artista visuale autore della grande opera murale in esposizione in questi giorni all'EXMA, ospite della mostra "Reality Show

Più informazioni su

Il cuore pop di una collezione” a cura di Simona Campus. Un’occasione unica per dialogare con l’artista torinese i cui interventi negli spazi pubblici riflettono sulla crisi mediterranea e sul rapporto conflittuale tra culture diverse. L’evento è gratuito e aperto a tutti.

Ritorna l’appuntamento con IED4ALLil ciclo di incontri dell’Istituto Europeo di Design di Cagliari dedicati alle tematiche legate alla sostenibilità ambientalesociale ed economica. Anche quest’anno IED e EXMA (EXhibiting and Moving Art), importanti istituzioni culturali del capoluogo, presentano, in collaborazione con la Fondazione Bartoli-Felter, un progetto condiviso, rivolto alla promozione delle arti contemporanee, con il coinvolgimento diretto degli studenti.

Dopo l’appuntamento dello scorso anno che ha visto protagonista il fotografo Matteo Basilé, venerdì 24 maggio alle ore 10.00 sarà ospite a Villa Satta l’artista BR1autore di un murale esposto nella mostra collettivaReality ShowIl cuore pop di una collezione“, attualmente in corso all’EXMA, che ospita un’ampia selezione di artisti e opere appartenenti alla collezione della Fondazione per larte Bartoli-Felter, una delle realtà di Cagliari impegnate nella promozione della creatività contemporanea delle nuove generazioni, che reinterpretano nel presente le suggestioni provenienti dalla “pop art”.

L’open lesson tenuta dall’artista originario di Locri (Calabria, 1986) ma torinese di adozione, dove vive e lavora, è rivolta agli studenti IED e a tutti gli appassionati e interessati che desiderino parteciparvicon ingresso gratuito aperto a tutti. “Una collaborazione, quella fra IED e EXMA, che si inserisce nell’ambito del consolidamento della rete fra la nostra scuola e le istituzioni del territorio, e della promozione di iniziative culturali comuni in ambiti affini a quelli trattati nei nostri corsi” – spiega Monica Scanu, direttrice IED Cagliari.

Gli artisti presenti nella mostra “Reality Show. Il cuore pop di una collezione” all’EXMA lavorano in ambito nazionale e internazionale, le opere datano anni recenti. Arte che, oggi come nella seconda metà del secolo scorso, mette in scena la realtà, nei suoi aspetti contraddittori e problematici, con riferimenti alla comunicazione di massa, ai fumetti, al consumismo e all’ossessione del cibo nella società occidentale. Come un reality show. “Quella con lo IED Cagliari è una sinergia preziosa”, illustra Simona Campus, direttrice artistica EXMA e curatrice della mostra, “nata da una consapevolezza intrinseca alla nostra mission, dalla profonda convinzione che l’arte possa e debba essere strumento di comprensione del nostro presente, soprattutto per le nuove generazioni”.

Laurea in diritto islamico nella Facoltà di Giurisprudenza di Torino con una tesi sul velo, BR1 è avvocato ma soprattutto un artista visivo tra i più apprezzati tra i giovani artisti, interessato alle contraddizioni generate dalla collisione del modello capitalista con la cultura e la tradizione dei popoli mediterranei. Lavora nell’ambito della street art e lo scenario in cui le sue opere prendono forma è lo spazio pubblico, in cui agisce privilegiando un approccio effimero e spontaneo.

“Attraverso poster incollati sui cartelloni pubblicitari, performance e interventi urbani, BR1 riflette sui fenomeni sociali e politici della nostra epoca e indaga il concetto di confine, fisico e mentale, il fenomeno sociale delle migrazioni e la crisi mediterranea, le ambiguità della società globalizzata che crea nuovi livelli di esclusione sociale”, spiega Simona Campus, curatrice della mostra “Reality Show. Il cuore pop di una collezione” inaugurata circa un mese e mezzo fa e visitabile fino al 16 giugno all’EXMA, Cagliari.

L’artista torinese ha intrapreso una serie di viaggi lungo il confine dell’Europa nella convinzione che chi vive in territori di confine abbia molto da insegnare in termini di identità e multiculturalismo. Un’esplorazione profonda nella cultura mediterranea che ritorna nei suoi disegni su carta socialmente impegnati e colorati, applicati con la colla nei grandi spazi dei manifesti pubblicitari e nelle pareti dei palazzi, per generare una riflessione nell’osservatore. L’arte che contrasta la pubblicità, invade i suoi spazi e li sovverte, veicolando un contenuto sociale forte, attraverso azioni libere e autogestite.

In serata, l’iniziativa si trasferirà all’EXMA (via San Lucifero 71, Cagliari), dove a partire dalle ore 18.30, in dialogo con Simona Campus e Monica ScanuBR1 terrà un talk, illustrando gli aspetti fondamentali della sua pratica artistica.

Lopen lesson alle 10.00 a Villa Satta in viale Trento n. 39, e il talk alle 18.30 all’EXMA, in via San Lucifero 71,sono aperti a tutti e gratuiti.

Per la open lesson è possibile prenotare online al seguente linkopenlesson-matteobasile.eventbrite.it

Più informazioni su