Prendas de Jerru a Gadoni sabato 1 e domenica 2 Dicembre per Cortes Apertas di Autunno in Barbagia

Più informazioni su

Prendas de Jerru a Gadoni sabato 1 e domenica 2 Dicembre per Cortes Apertas di Autunno in Barbagia , la manifestazione che da moltissimi anni anima le comunità del Nuorese.

Il programma di “Prendas de Jerru”, ricco e interessante, inizierà sabato 1 dicembre alle 09,30, con l’apertura delle domos antigas, e le visite guidate alle varie mostre ed esposizioni.
Alle 10.00 sarà la volta della visita agli stand degli artigiani che esporranno i prodotti locali.
Dopo la pausa pranzo presso i numerosi punti di ristoro, alle 16.30 prenderà il via il Convegno “Ischintiddas – Simboli, arti e riti della Sardegna” e rassegna “Premio is Fraccheras 2018”.
Alle 19:00 verranno accesi i falò in piazza IV novembre per scaldare l’ambiente delle “Notti ‘e Prendas”, musica e balli in piazza con la collaborazione di Ottavio Nieddu e il gruppo Sonadas.
Il ricco programma delle CORTES di Gadoni, proseguirà domenica, 2 Dicembre 2018, alle ore 09.00, con la visita alle domus antigas, alle mostre e alle esposizioni di prodotti locali.
Le vie del centro storico saranno animate da musica itinerante degli organettisti Lamberto Lai e Alex Agus, le Launeddas di Stefano Baila e Tonio Stara.
In primo piano la partecipazione delle Associazioni locali: la maschera tipica locale “Maimoni e Grastula”, il Coro polifonico “Boghes de Gaudiu onu”, il Gruppo folk S. Barbara di Gadoni e la Compagnia Teatrale “Talenti Irriverenti”.
Ospiti varie associazioni tra cui le maschere “Su Maimulu” di Gairo, le maschere “Sos Traigolzos” di Sindia, il coro Polifonico Ensemble di Olbia, il coro Polifonico femminile S’orrosa ‘e Padenti di Seulo.
Alle 15.30, in Piazza IV novembre, si potrà assistere alla preparazione de “Sa Fracchera e is concas de mortu “, mentre alle 17.00 ci sarà la riproposizione dell’antico rito de “IS FRACCHERAS”, seguito dalla degustazione gratuita a base di piatti tipici locali e dai Cantos e Ballos in Pratza, intorno al falò.
DA VISITARE A GADONI:
Miniera Di Funtana Raminosa (Visite Guidate)
Chiesa di S. Marta
“Su Nascimentu” – a cura di Angelo Curreli
Mostra “ Sa Estimenta”
“Sa Omu ‘e su meri”
“Sa Buttega de Tziu Innassiu”
“Su Sabatteri”
“Su Dottori”
“Sa omu ‘e Giobba”
“Trastus e fainas in domu de tiu Chicchinu”
“Sa omu ‘e su mortu”
La casa del minatore
La Mostra dei Minerali
Domus Antigas
Esposizione dell’artigianato locale
Degustazione dei prodotti tipici locali.
Il Comune di Gadoni è situato ad un’altezza di 700 metri sul livello del mare ed appartiene alla Comunità Montana Gennargentu – Mandrolisai. Domina dall’alto il lungo solco del fiume Flumendosa che segna i confini orientali del territorio.
Gadoni ha un territorio che si estende per 4350 ettari, straordinariamente interessanti dal punto di vista paesaggistico e ambientale.
Da sempre segnata da una radicata tradizione agricola e pastorale, la regione si distingue soprattutto per la presenza delle antiche miniere di rame che la rendono unica rispetto alla fisionomia storica ed economica di questa zona della Sardegna.
Info: www.comune.gadoni.nu.it – prendasdejerru@gmail.com – tel. 392 5596402 – 0784 627020

Michele Vacca

Più informazioni su