Lavoratore record a Montecitorio, 9 anni di ferie da smaltire

Renato, 50enne, ha accumulato ferie non godute per una durata di oltre 9 anni. Ora si dovrà rassegnarsi al riposo forzato.

ROMA – Nell’immaginario collettivo sono talvolta accomunati alla casta. E di solito quando si parla di loro lo si fa per fargli i conti in tasca: uscieri, autisti, centralinisti, commessi, nonostante i tagli alle spese di Camera e Senato sono spesso tirati in ballo per i trattamenti di favore rispetto ai loro pari che prestano servizio fuori dal palazzo. Ma quel che viene spesso sottaciuto è la dedizione che il personale della Camera mette nel proprio lavoro, al punto da sobbarcarsi abitualmente orari ben oltre la normale giornata. Lo richiede la struttura: di fatto la Camera dei deputati non chiude mai.

Al di là degli orari degli onorevoli inquilini, di notte o durante le feste, al suo interno per 24 ore al giorno e 365 giorni all’anno, c’è sempre una squadra di dipendenti pronti a intervenire in caso di necessità. E’ così che, a quanto apprende l’agenzia Dire, un commesso parlamentare di nome Renato, 50enne, ha accumulato ferie non godute per una durata di oltre 9 anni. Su sollecito dell’amministrazione di Montecitorio ora dovrà rassegnarsi al riposo forzato: nove anni di lontananza dal posto di lavoro, nove anni di “dolce far niente”, se non per grazia e diletto.

advertisement

Renato, spiegano i colleghi, è un vero stakanovista. Ama il suo lavoro, al quale sacrifica anche parte della vita privata. Avrebbe sicuramente continuato a lavorare se non fosse incappato in una delle misure attuate dalla Camera dei deputati per abbassare i costi del Palazzo, quella che prevede di non monetizzare più le ferie non godute da parte dei dipendenti, i quali sono chiamati a smaltirle, soprattutto quando sono di considerevole entità.

Nei mesi scorsi per consentire il momentaneo turn-over, senza mandare in tilt la pianta organica, sono stati richiamati anche lavoratori pre-pensionati. Continueranno a lavorare per un po’, in attesa che i colleghi in servizio effettivo si liberino della ‘zavorra’ costituita dalle ferie. Nel caso di Renato ci vorrà un bel po’.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here