Cagliari. Proclamati i nove finalisti del Concorso Lions New Work 2017

Il 9 marzo si è tenuta la premiazione del concorso “New Work 2017”, giunto alla seconda edizione. Roma e Cagliari, ospiti rispettivamente delle sedi di Banca Unicredit spa e Banco di Sardegna spa, collegate in video conferenza hanno permesso ai 19 progetti partecipanti di partecipare alla kermesse.

New Work 2017I numerosi ospiti hanno portato il loro saluto e apprezzamento per il lavoro svolto dalla Fondazione Lions per il Lavoro Italia onlus. L’on. Luigi Bobba, sottosegretario del Ministero del Lavoro, patrocinatore del concorso, ha voluto essere presente con un videomessaggio in cui ha evidenziato le grandi possibilità offerte alle categorie più deboli nel campo del lavoro.

Il vice presidente e il direttore dell’Ente Nazionale Microcredito hanno parlato dell’importanza del partenariato e del tutoraggio che la Fondazione Lions per il Lavoro Italia onlus porta avanti con grande competenza e successo con l’Ente stesso. Guido Cogotti presidente del Comitato di Gestione della Fondazione e tra gli ideatori del concorso ne ha illustrato gli scopi:

““New Work 2017” è un concorso nato a Cagliari dall’idea di alcuni professionisti sardi che  credono nella forza del lavoro autonomo come opportunità di riscatto sociale e lavorativo Il concorso è suddiviso in tre categorie che consentono la partecipazione a chiunque viva una situazione d’inoccupazione, disoccupazione o crisi lavorativa, senza limiti di età “Arti e mestieri” e “Impresa m’innovo”, la terza “Under 30”. Diciannove progetti, provenienti da tutta Italia, hanno superato le due fasi concorsuali.

advertisement

Una commissione di esperti sceglierà i nove finalisti e quindi la terna che si disputerà i primi tre posti. I premi che la Fondazione Lions per il Lavoro mette a disposizione dei primi tre classificati sono importanti: in denaro, assistenza tecnica e tutoraggio per concretizzare “l’idea di lavoro autonomo””.  I nove finalisti hanno presentato al pubblico in sala la loro business idea, quindi sono stati premiati i primi tre progetti classificati in assoluto: primo, per la categoria giovani: Little Alienz, secondo , arti e mestieri, Elite Farm, terzo, impresa m’innovo, Design per il culto religioso.

IL CONCORSO

OBIETTIVO: mettere a disposizione dei giovani e meno giovani premi in denaro e le competenze professionali dei soci Lions per accompagnare queste iniziative.

CATEGORIE: dopo il successo dello scorso anno, anche per la seconda edizione ci saranno tre categorie in gara:

“GioVani under 30”: Possono partecipare le persone che: -Siano nate dopo il 1° gennaio del 1987 e siano residenti in Italia, – Abbiano una business idea relativa a una nuova iniziativa economica, in ambito aziendale o professionale, appartenente a qualsiasi settore. – Vogliano avviare una ditta individuale o una società, sul territorio nazionale, per realizzarla.

“Impresa: mi innovo”  tutte le imprese individuali o le società di qualsivoglia natura, cooperative comprese, già esistenti, che: – Abbiano sede legale in Italia e abbiano iniziato l’attività antecedentemente al 01/01/2014. – Abbiano avuto, nell’esercizio 2016, un volume d’affari inferiore a 500 mila euro. – Abbiano alle proprie dipendenze, al 31 dicembre 2016, non più di 3 dipendenti full time o un numero di dipendenti part time per lo stesso numero di ore lavorative. – Presentino un progetto d’innovazione aziendale (sul territorio italiano) che sia potenzialmente in grado di imprimere un nuovo impulso al processo tecnico, produttivo e commerciale dell’azienda, generando nuova occupazione.

“Arti e mestieri del passato” – no age limit: È una categoria aperta alle persone fisiche, le imprese individuali o le società di qualsivoglia natura, cooperative comprese, che: – Abbiano un’attitudine o un’esperienza formativa/lavorativa in attività artistiche o in attività artigianali. – Siano disposti a collaborare, a fini formativi, con il laboratorio di un artista o di un maestro artigiano. – Vogliano sviluppare e diffondere la tradizione delle arti e dei mestieri per recuperare, salvaguardare e innovare la cultura della produttività artistica e artigianale.

PREMI: alle tre migliori idee di business sostenibile, la fondazione Lions assegnerà premi in denaro e servizi di consulenza.

I tre finalisti verranno scelti tra le 10 idee finaliste che ora sentiremo, quelle che sono state valutate come le migliori tra tutte quelle presentate.

Ci saranno inoltre due premi speciali….

  1. Il primo classificato riceverà un premio di 5.000 € di cui 1.500€ saranno in denaro e il resto in servizi di consulenza o prestazioni dirette
  2. Al secondo classificato 000 € di cui 1.000 € in denaro e la restante parte in servizi
  3. Il terzo classificato riceverà 1.500€ di cui 500 in servizi.

I servizi e le prestazioni di consulenza cambiano a seconda delle categorie di appartenenza.

In generale si effettuerà una valutazione dell’impresa e le strategie per aumentare la redditività con nell’individuazione di azioni correttive. Una valutazione sull’attuazione del business plan e a  tutti sarà dato il supporto all’assistenza alle attività del microcredito.

SCORSA EDIZIONE:

13 finalisti – 3 i vincitori:

  • BIOVULCANIA, 1° classificato: categoria Mi Innovo. Azienda operativa nel settore agricolo che si è rinnovata convertendosi al mercato del biologico con l’utilizzo di prodotti dalle varietà ricche di antiossidanti (in particolare il pomodoro nero) provenienti da laboratori di ricerca universitaria.

 

  • BIIHAR, 2° classificato: categoria Giovani under 30. Applicazione web che si occuperà di mettere in contatto equipe medica e paziente nella gestione dell’obesità. Nasce come strumento per potenziare l’efficacia della terapia multidisciplinare permettendo al paziente obeso di essere in constante contatto con il team che lo ha in carico.
  • BAUTIFUL BOX, 3° classificato: categoria Giovani under 30. Si tratta di un dispositivo intelligente collegato allo smartphone che impegna gli animali domestici con attività ludiche quando lasciati a casa da soli, consentendo ai loro proprietari di ‘tenerli d’occhio.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here