Home / Attualita' / Tenta il suicidio appiccando il fuoco all’appartamento

Tenta il suicidio appiccando il fuoco all’appartamento

Tenta il suicidio appiccando il fuoco all’appartamento. Salvata da una Pattuglia della Sezione Volanti della Polizia di Stato di Oristano. 

Rimasta vedova e con problemi di natura psichiatrica, la notte scorsa ha tentato il suicidio appiccando il fuoco ad un materasso.

E’ successo la notte scorsa, ma fortunatamente, C.A., classe 1955, prima di compiere l’estremo gesto lo ha annunciato alla figlia, che ha subito richiesto aiuto al numero di soccorso pubblico “113” della Polizia di Stato.

Un equipaggio della Sezione Volanti, si è precipitato sul posto e non ha avuto difficoltà ad individuare l’ubicazione dell’appartamento da cui si levava alta una lingua di fuoco e da cui fuoriusciva una colonna di fumo nero.

La pattuglia, richiede subito l’intervento dei Vigili del Fuoco e chiamano il 118 per le eventuali cure mediche,  ma vista la criticità della situazione, i due Poliziotti decidono di intervenire, aprono il portoncino d’ingresso e provano ad accedere all’appartamento, ma devono desistere quasi subito, a causa della irrespirabile cappa di fumo e fuliggine che aleggia nell’androne.

Decidono, quindi, di provare dalla finestra, saltano il muretto di recinzione e si arrampicano sino al piano ove è ubicato l’appartamento.

Sanno perfettamente che in caso d’incendio fornire nuovo comburente potrebbe aggravare la situazione, che però è già di per sé critica e quindi, adottando le cautele del caso, forzano una finestra basculante e raggiungono lo scopo prefissato, creare una corrente d’aria, che fa defluire il fumo.

Accedono quindi all’appartamento e trovano C.A. in camera da letto, riversa a terra in stato di semi incoscienza e ricoperta di fuliggine, ma non in pericolo di vita, la prendono in braccio, la portano all’esterno e la affidano ai Sanitari che immediatamente la trasportano all’Ospedale “San Martino”, dove viene subito ricoverata.

I Vigili del Fuoco, hanno fatto evacuare precauzionalmente lo stabile, quindi, hanno domato le fiamme e messo in sicurezza l’appartamento, interrompendo la corrente elettrica e la fornitura di gas.

La richiesta della figlia e il tempestivo intervento della Polizia di Stato, hanno evitato una tragedia annunciata, che avrebbe potuto avere ben più gravi conseguenze, se le fiamme si fossero propagate all’intero stabile che conta decine di appartamenti.

Info su Redazione OR

Controlla Anche

bioetica

Lezioni di bioetica nei licei della Campania

Lezioni di bioetica nei licei della Campania L’Istituto Italiano di Bioetica riprende la sua campagna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com