Home / LE PROVINCE / Carbonia-Iglesias / Sant’Antioco. Arresto dei carabinieri di Sant’Antioco per estorsione nella mattinata di ieri

Sant’Antioco. Arresto dei carabinieri di Sant’Antioco per estorsione nella mattinata di ieri

Nella mattinata di ieri, a sant’antioco (ca), i carabinieri della locale stazione traevano in arresto nella  flagranza del reato di estorsione (art.629 cp)  allocca pier giuseppe, un 38enne di sassari,  celibe, pensionato, con piccoli e remoti precedenti penali.

carabinieri

Il giorno prima  (26 aprile)in  località sottotorre di calasetta i carabinieri della locale stazione rinvenivano abbandonata, senza chiavi una autovettura della quale il proprietario, r.r. un marittimo 4oenne del luogo non si era ancora accorto del furto, avvenuto presumibilmente nel corso della notte.

Il marittimo, che era appena rientrato da pescare, veniva  contattato telefonicamente dai carabinieri e giungeva subito sul posto e, dopo aver riconosciuto il veicolo,  sporgeva immediatamente denuncia di furto a carico di ignoti, significando che aveva lasciato il predetto veicolo parcheggiato a calasetta, verosimilmente lasciandolo aperto e con le chiavi inserite nel quadro.

Nella mattinata di ieri il marittimo veniva cercato da una persona a lui conosciuta il quale gli chiedeva una somma in denaro per riavere le chiavi della macchina, giustificando l’entita’ della somma richiesta  (200 euro) perche’:

–  gli era debitore di 150 euro per fatti privati;

–  e i 50 euro rimanenti servivano per riavere la chiavi.

Il maritittimo denunciava il fatto ai carabinieri di sant’antioco i quali organizzavano subito un mirato servizio pedinandolo fino a che  nella tarda mattinata si incontrava con il suo estorsore nei pressi di un bar del posto.

Appena visto che il marittimo consegnava i soldi al suo ex amico, i carabinieri intervenivano immediatamente bloccando l’allocca con i soldi e il suo ex amico con le chiavi appena avute in restituzione.

Il giovane sassarese, in asserite ferie a calasetta, veniva quindi condotto presso la locale caserma carabinieri, dove, dopo aver sentito il p.m. veniva dichiarato in arresto e condotto, al termine degli accertamenti di rito e’ stato condotto al carcere di uta, in attesa dell’udienza di convalida.

I soldi (4 banconote da 50 euro) sono state restituite, unitamente alle chiavi, al legittimo proprietario.

Info su La Redazione

Controlla Anche

Telethon

QUESTURA di ORISTANO, 2500 Miglia per Telethon – Progetto “Andare lontano è possibile”

QUESTURA di ORISTANO, 2500 Miglia per Telethon – Progetto “Andare lontano è possibile”. Il progetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com