Home / Attualita' / Protesta disabili, Arru continua a non dare risposte su appalto protesi

Protesta disabili, Arru continua a non dare risposte su appalto protesi

“Anche davanti ai disabili che protestano per rivendicare il loro sacrosanto diritto a un’assistenza sanitaria che tuteli l’autonomia
personale e la qualità della vita, l’assessore Arru continua a non dare risposte in merito all’appalto per la fornitura di ausili e protesi, già
bocciato senza appello anche dal Consiglio regionale”, dichiara il capogruppo consiliare dei Riformatori Sardi per l’Europa, Attilio
Dedoni, commentando la manifestazione che le associazioni dei disabili hanno inscenato stamani davanti all’Assessorato regionale alla Sanità.
“Invece di spiegare ai manifestanti quando e come intende dare attuazione alla mozione approvata dall’Assemblea, modificando le
condizioni a cui avviene la fornitura dei presidi, Arru ha difeso il capitolato d’appalto, come ha già fatto in Consiglio”, sottolinea
Dedoni. “L’Assessore pensa di poter tagliare i costi della sanità sulla pelle dei sardi, risparmiando sulla qualità dell’assistenza invece di
tagliare gli sprechi. Questa volta, però, c’è un pronunciamento unanime dell’Aula che non può essere disatteso: dal contratto deve sparire la
fornitura delle protesi senza collaudo da parte del medico fisiatra. Non stiamo parlando di merce che si acquista sugli scaffali di un
supermarket: le protesi e gli ausili che garantiscono l’autonomia dei disabili devono essere personalizzati e collaudati da personale medico
competente, che assicuri un’assistenza costante affinché l’utilizzo di strumenti inadeguati non finisca per causare danni e nuove patologie a
soggetti che già si trovano a dover sopportare una condizione di oggettivo disagio. Per questo, la fornitura non può essere affidata in
blocco a un’azienda che ha sede nella Penisola, ma si deve tornare a coinvolgere i laboratori protesici isolani, così come avveniva in
passato. La mozione che ho presentato e che il Consiglio ha approvato parla chiaro: se questo si può fare all’interno dell’attuale contratto
di fornitura, ben venga; altrimenti, il contratto deve essere risolto e la gara bandita nuovamente, riscrivendo il capitolato”.
“Sulla vicenda delle protesi, l’Assessore si sta comportando allo stesso modo in cui sta facendo sullo smantellamento del Centro sclerosi
multipla dell’ospedale Binaghi”, conclude il capogruppo. “Da un lato rassicura i cittadini sulla salvaguardia dei livelli di assistenza e
dall’altro tira dritto per la sua strada, tagliando le cure alle persone più deboli e sofferenti pur di non intaccare i privilegi e il malaffare
che continuano ad annidarsi nelle aziende sanitarie”.

 

Info su La Redazione

Controlla Anche

SummerBeach

Alghero. SummerBeach tour 2017, inizia la sua ultima tappa dell’anno

La spiaggia del lido San Giovanni è ora  allestita per 20 giorni di intrattenimento, beach …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com