Home / LE PROVINCE / Sassari / Porto Torres: il sindaco sulla scuola Brunelleschi

Porto Torres: il sindaco sulla scuola Brunelleschi

Porto Torres: il sindaco sulla scuola Brunelleschi

Il Sindaco di Porto Torres Wheeler: «La scuola di Monte Angellu ha aule libere e un’offerta formativa adeguata» e poi afferma la mancanza delle condizioni per creare una nuova prima classe al Brunelleschi

Porto Torres: «Non ci sono le condizioni tecniche, logistiche ed economiche per creare una nuova prima classe nella scuola secondaria Brunelleschi. Esistono diverse motivazioni che abbiamo già spiegato al dirigente scolastico e ai docenti dell’Istituto Comprensivo n. 1, in diversi incontri. Una di queste riguarda l’offerta formativa, che riteniamo adeguata sia in quest’ultimo istituto, sia nell’Istituto Comprensivo n. 2. L’Amministrazione non intende alimentare distorti messaggi improntati a distinzioni tra  scuole di serie A e di serie B». Così il Sindaco Sean Wheeler in risposta alle dichiarazioni rilasciate dai genitori e dal docente referente del Brunelleschi alla stampa.
«L’offerta extracurricolare è ottima in entrambi gli istituti e di questo ringraziamo entrambi i dirigenti scolastici. Non è nemmeno pensabile che l’amministrazione sposi iniziative che potrebbero provocare la decadenza di uno dei due nostri Comprensivi, con tutte le conseguenze immaginabili per alunni, docenti e personale. Ci viene chiesto, inoltre, di creare un’aula in più in un istituto che è al massimo della capienza, ma allo stesso tempo nella scuola di Monte Angellu abbiamo diversi e ampi spazi utilizzabili, in buone condizioni e perfettamente fruibili dagli alunni», aggiunge il Sindaco. «Oltre a spendere in maniera immotivata ulteriori risorse dei cittadini di Porto Torres per la realizzazione di una nuova aula nel plesso del Brunelleschi  – aggiunge Sean Wheeler –  quest’ultima sarebbe poco funzionale alle attività scolastiche rispetto alle aule libere e già disponibili a Monte Angellu. Una buona parte degli studenti che si iscriveranno in prima, inoltre, sono di Campanedda, borgata che ricade nel Comune di Sassari, dalla quale la scuola di Monte Angellu disterebbe meno rispetto al Brunelleschi: anche questo è uno dei tanti motivi per cui la reiterazione di questa richiesta ci appare inopportuna». «Permangono, poi, degli ostacoli tecnici che al momento sono insormontabili – aggiunge l’Assessore ai Lavori Pubblici, Alessandro Derudas –  come le attività di adeguamento del sistema antincendio del Brunelleschi, progetto già in attesa della Scia dal Comando dei Vigili del fuoco e che se modificato costerebbe alla comunità ulteriori risorse. Senza contare il rischio di rendere non accoglibile la domanda di ottenimento del Certificato protezione incendi. Non è razionale incentivare la creazione di ulteriori classi in una scuola già al massimo della capienza e la richiesta di riconvertire la sala docenti non dà garanzie di adeguata illuminazione e disposizione degli elementi didattici. Anche se il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione della scuola ritiene percorribile questa strada, non riteniamo comunque ragionevole concentrare gli studenti in due aule di soli 11 metri x 4. Per quanto riguarda il progetto Iscola – conclude l’Assessore – allo stato attuale la Regione ha messo in programmazione per il Brunelleschi i soli fondi per la progettazione, pari a 85mila euro, che non sono immediatamente disponibili come dichiarato dal docente referente del Brunelleschi e di certo non é pensabile riuscire ad avere spazi fruibili entro l’inizio del nuovo anno scolastico».
Porto Torres

Info su La Redazione

Controlla Anche

Legge sull’esercizio dell’ agriturismo e corso Regionale Agri Chef

Legge sull’esercizio dell’ agriturismo e corso Regionale Agri Chef. Coldiretti Oristano e Camera di Commercio organizzano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com